Il Pd si riunisce dopo il voto: "Per contrastare il populismo, abbiamo smesso di essere popolari"

E' andata in scena martedì sera l'assemblea pubblica indetta dal Partito Democratico presso l'ex complesso dei Salesiani a Faenza per discutere del voto del 4 marzo

Circa cento persone, iscritti, ma anche semplici cittadini, hanno partecipato nella serata di martedì all'assemblea pubblica indetta dal Partito Democratico presso l'ex complesso dei Salesiani a Faenza per discutere del voto del 4 marzo e delle sue implicazioni nazionali e locali. Quasi venti interventi in oltre quattro ore di assemblea, terminata ben oltre la mezzanotte. Non sono mancati il riconoscimento della sconfitta e la riflessione sugli errori e sulle opportunità non colte in questi anni di governo, ma su tutto ha prevalso la volontà di guardare avanti assieme e ripartire con fiducia e determinazione. 

Un aspetto in particolare è stato evidenziato nella gran parte degli interventi: la difficoltà dimostrata dal Partito Democratico di intercettare il disagio ancora diffuso in gran parte del Paese e l’incapacità di essere un riferimento per le aree e le classi sociali più svantaggiate. Come ha sottolineato un iscritto "per avversare il populismo abbiamo smesso di essere popolari". Una responsabilità che pesa e che richiede un ripensamento immediato e approfondito. Soddisfatto il senatore neo-eletto Stefano Collina: "Era importante ripartire dopo il duro colpo del 4 marzo e questa serata, partecipata - e non solo dai soliti noti - e ricca di spunti e riflessioni ci dà la giusta carica per riprendere il cammino. Ovviamente l’analisi della sconfitta, dei nostri errori e limiti non si esaurisce oggi, ma proseguirà a tutti i livelli nelle prossime settimane con l’obiettivo dichiarato di ricostruire un partito che possa essere ancora punto di riferimento per il futuro del Paese e delle nostre comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarda avanti anche il segretario comunale Maurizio Randi: "La scossa del 4 marzo alla fine potrebbe rivelarsi perfino salutare, facendoci recuperare quell’umiltà che è sempre necessaria quando ci si pone al servizio della comunità. I limiti evidenziati a livello nazionale, pur in misura minore, toccano anche il Pd faentino. Le riflessioni di oggi e dei prossimi mesi aiuteranno a rimetterci in discussione e ci forniranno idee e stimoli per rafforzare il rapporto con la città, indebolito. Non abdichiamo al nostro ruolo e vogliamo continuare a essere il riferimento di tutte quelle realtà che hanno a cuore il bene della nostra comunità e a cui chiederemo nei prossimi mesi di unirsi a noi per cominciare a ragionare assieme a un progetto per il futuro della nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento