Il segretario Pd Martina apre la Festa dell'Unità nazionale al Pala De Andrè

Taglio del nastro per la Festa dell'Unità nazionale del Pd 2018: venerdì pomeriggio, nella sala dedicata ad Aldo Moro al Pala De Andrè, sono stati consegnati i contributi raccolti dal Pd a sostegno delle popolazioni terremotate

Foto Massimo Argnani

Taglio del nastro per la Festa dell'Unità nazionale del Pd 2018: venerdì pomeriggio, nella sala dedicata ad Aldo Moro al Pala De Andrè, sono stati consegnati i contributi raccolti dal Pd a sostegno delle popolazioni terremotate. Sul palco, insieme al sindaco Michele De Pascale, il segretario provinciale Pd Alessandro Barattoni, quello regionale Paolo Calvano e quello nazionale Maurizio Martina, insieme al deputato Giuditta Pini.

Il programma della giornata

Ore 20.30, sala Aldo Moro - "Per non dimenticare. L’impegno della ricostruzione dopo il terremoto", con Paola De Micheli e Stefania Pezzopane;

Ore 21, sala Aldo Moro - "Volontariato, cooperazione, terzo settore, patrimoni italiani", con Giuliano Poletti, Pietro Barbieri, Stefano Granata, Roberto Rossini ed Eleonora Vanni, modera Ilaria Chia;

Palco centrale - Frah Quintale

Arena del ballo Malpassi - Orchestra Mojto

Area dei Giovani Democratici - Nannibius & friends + spacial guest Isacco

Tenda Socjal club - Giacomo Scudellari ed Emmanuelle Sigall presentano i loro album: “Lo stretto necessario” e “Table Rase"

WhatsApp Image 2018-08-24 at 19.07.45-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Proroga della chiusura delle scuole? In Regione ci stanno pensando. L'assessore alla Sanità: "E' probabile"

Torna su
RavennaToday è in caricamento