Imu e ici bloccati per le piattaforme, Cambierà: "La mano destra non sa cosa fa la sinistra"

Samantha Tardi: "Nonostante De Pascale sia dello stesso partito di Gentiloni, c'è un'assoluta mancanza di comunicazione interna che, se assente, avrebbe potuto permettere al sindaco di prendere le debite contromisure"

Ha destato scalpore la notizia, subito rilanciata con sdegno da De Pascale, rispetto alla norma interpretativa che blocca il pagamento di Ici e Imu da parte delle piattaforme di estrazione idrocarburi, contenuta nella manovra correttiva varata nei giorni scorsi dal governo Gentiloni. Il sindaco si è subito affrettato nello scrivere una lettera al presidente del Consiglio, con il pieno sostegno di Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) per chiedere che quella norma venga cancellata.

"CambieRà non può che accodarsi all'appello lanciato dal nostro primo cittadino - commenta Samantha Tardi del movimento - poiché il mancato introito nelle casse del comune stimate in circa 40 milioni di euro (a cui forse avrebbero dovuto sommarsi gli oltre 11 milioni già versati che, stando alla norma varata, dovrebbero essere probabilmente restituiti, ma pare questione smentita dall’Assessora Morigi) sarebbe un salasso che Ravenna non si può permettere. Al contempo, però, vogliamo sottolineare come la tanto sbandierata "linea unica" che congiunge il governo nazionale, regionale e comunale sia evidentemente una delle tante manciate di fumo gettate negli occhi degli elettori di Ravenna. Infatti, nonostante De Pascale sia non solo dello stesso partito di Gentiloni, ma anche della stessa corrente (fattore non trascurabile in questo Partito Democratico funestato dalle liti interne e dalle scissioni fratricide), si palesa un’assoluta mancanza di comunicazione interna che, se assente, avrebbe potuto permettere al sindaco di prendere le debite contromisure. A riprova di ciò, infatti, pochi giorni fa è stato presentato il bilancio comunale totalmente imperniato sul gettito previsto dalla riscossione delle tasse sulle piattaforme di estrazione".

"Speriamo quindi che, almeno in questa circostanza - conclude la consigliera - venga data al sindaco De Pascale un minimo di importanza dal suo stesso partito poiché, diversamente, a pagare il salatissimo conto sarebbe il cittadino ravennate. Come al solito".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      La birreria incontra il night club: "I soci potranno bere una birra godendosi uno spogliarello"

    • Cronaca

      Blitz anti-degrado in centro: la Municipale frena l’accattonaggio molesto

    • Incidenti stradali

      Ciclista travolta ed uccisa da un'auto: la Polizia Municipale cerca testimoni

    • Cronaca

      Intercettato mentre si trovava in auto: era evaso dai domiciliari

    I più letti della settimana

    • Lista per Ravenna: "Fare chiarezza sul rischio idraulico dei capanni da pesca"

    • Consigli territoriali, la Darsena in mano a Lista per Ravenna

    • Anche Vasco Errani per presentare la nuova associazione di centro-sinistra

    • Consigli territoriali, la Lega si aggiudica i lidi

    • La coordinatrice si dimette, il Pd bassa Romagna ha un nuovo portavoce

    • Consigli territoriali, elezioni dei presidenti: "Abbiamo cercato invano un'intesa"

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento