Indagine del Sole, boom per i furti in abitazione. Verlicchi attacca De Pascale: "Immobilismo"

La Pigna, continua Verlicchi, "da sempre si é dichiarata fortemente preoccupata per l’insicurezza della nostra città e della nostra provincia"

"Immobilismo del sindaco Michele De Pascale" sul fronte sicurezza. Il capogruppo in Consiglio comunale de "La Pigna", Veronica Verlicchi, commenta così l'indagine de "Il Sole 24 Ore" sull'indice di criminalità che vede il capoluogo bizantino al quindicesimo posto. "Il dato che preoccupa ancor più è il secondo posto su scala nazionale guadagnato da Ravenna per furti in abitazione; un dato che segna un forte aumento, più 21,3%, rispetto allo scorso anno - afferma Verlicchi -. Poco importa se sono calati i furti negli esercizi commerciali, dato che sconta anche la chiusura di centinaia di negozi e di attività produttive".

La Pigna, continua Verlicchi, "da sempre si é dichiarata fortemente preoccupata per l’insicurezza della nostra città e della nostra provincia. E per cercare di scuote la Giunta de Pascale dal proprio immobilismo abbiamo presentato innumerevoli proposte al Consiglio comunale di Ravenna. Proposte tutte sistematicamente bocciate dal Pd Ravennate e dai propri alleati (Pri in testa) i quali hanno sostenuto, e continua a sostenere, che Ravenna sia una città sicura.  La maggioranza Pd che sostiene il sindaco de Pascale ha detto "no" alle telecamere nel forese e nei lidi, "no" alle riduzioni tributarie per i privati che installano telecamere e le mettono al servizio della Polizia Locale, "no" alla realizzazione di un sistema integrato di videosorveglianza pubblico - privato, "no" (e per ben 2 volte) all’utilizzo della vigilanza privata a supporto della Polizia Locale per il monitoraggio del forese e dei lidi nelle ore notturne e durante i festivi, "no" allo stanziamento di almeno 1 milione di euro all’anno per la sicurezza, NO alla creazione su base volontaria di un gruppo della Polizia Locale per la difesa dei soggetti più deboli (bambini , anziani, persone diversamente abili)".

"Di fronte all’ennesima testimonianza della sempre più preoccupante situazione di insicurezza urbana che affligge Ravenna, esortiamo, per l’ennesima volta de Pascale e la sua Giunta, ad attivarsi per mettere in campo, al più presto, interventi efficaci che possano ripristinare una condizione decente di sicurezza per i ravennati, per le abitazioni e per le attività commerciali ed aziende - conclude Verlicchi -. Proprio in questi giorni, comincerà la discussione nella commissione consiliare preposta, della nostra proposta di Regolamento della Polizia Urbana, un documento che mira a recepire i poteri di intervento che la recente normativa varata in questi ultimi anni, garantisce ai Comuni, allargando il perimetro d’azione rispetto alla situazione precedente. L’attuale regolamento di Polizia Urbana del nostro Comune risale al 1925, un documento ormai fuori dal tempo, obsoleto e non più applicabile. Auspichiamo che la discussione della nostra proposta trovi la piena e convinta partecipazione di tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio comunale a partire dalla maggioranza, con l’unico scopo di dotare la nostra città di uno strumento adeguato che, insieme alle altre misure sopracitate, possa aiutare a riportare la sicurezza nel nostro territorio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

Torna su
RavennaToday è in caricamento