"Lido di Dante ha un solo Comitato cittadino": la 'sentenza' del Comune

E' stato chiarito definitivamente in consiglio comunale, poco prima di Natale 2018, un problema che da tempo riguardava Lido di Dante

E' stato chiarito definitivamente in consiglio comunale, poco prima di Natale 2018, un problema che da tempo riguardava Lido di Dante. Il merito va riconosciuto alla consigliera del Partito repubblicano italiano Chiara Francesconi, a cui si deve l’interrogazione al sindaco “Occorre chiarezza sulle vicende del Comitato cittadino di Lido di Dante”: vale a dire sulle diatribe interne che hanno portato alla costituzione di due comitati separati in casa e che, diceva la consigliera, “hanno ad oggi portato ad un clima di totale confusione penalizzando cittadini residenti, proprietari di seconde case di vacanza, turisti e imprenditori del territorio”.

Francesconi, pur consapevole “della totale autonomia che dovrebbe vigere all'interno di libere associazioni di cittadini democraticamente eletti con un proprio statuto e una propria assemblea”, ha ritenuto “doveroso da parte dell'Amministrazione richiedere chiarezza e trasparenza sull’operato del Comitato dal momento che la medesima, nel caso specifico, delega a questo alcuni servizi sul territorio per i quali contribuisce con 13.000 euro annui in due step a titolo di rimborso spese e dal momento che la situazione creatasi sta ormai fortemente penalizzando il clima comunitario e di collaborazione fra la cittadinanza del territorio e la fiducia che i cittadini dovrebbero avere verso le loro associazioni territoriali”.

"Che la controversia riguardasse sostanzialmente il diritto civile, dovendo dunque essere sottoposta ad un Tribunale della magistratura statale dai privati cittadini ritenutisi lesi nei loro diritti o interessi legittimi di soci di una libera associazione, è ben presente a Lista per Ravenna - spiega il capogruppo Alvaro Ancisi - alla quale è stato sempre chiarissimo, a carte e a ragion vedute, che a Lido di Dante c’era e c’è sempre stato un solo presidente di comitato cittadino. Ora però che sulla materia è stato chiamato in causa un Tribunale politico nella persona del governo di questa città, di cui è componente la parte stessa interrogante, ci pare doveroso che ne sia data conoscenza alla città stessa, tramite la “sentenza” emessa dal sindaco attraverso l’assessore Gianluigi Baroncini, che in suo nome amministra il Decentramento.

"Questo ufficio non detiene alcuna documentazione relativa all'esistenza di un secondo Comitato Cittadino a Lido di Dante, in particolare non si dispone dello Statuto costitutivo o di proposte di compartecipazione a progetti con l'Amministrazione Comunale - si legge nel testo della "sentenza" - In merito agli interventi dell'Amministrazione mirati a sedare le tensioni interne al Comitato Cittadino si rammenta che il Consiglio Territoriale nella seduta del 7 febbraio 2018, 15 consiglieri presenti, approvava due distinti documenti coi quali nel primo documento (7 votanti a favore e 8 astenuti) si confermava ‘il riconoscimento del Comitato Cittadino di Lido di Dante nella composizione seguita alla sua pubblica elezione, con la presidenza in carica a Pasquale Menichini’; nel secondo documento, votato all'unanimità dei presenti, si proponeva che la Giunta Comunale congiuntamente alla Presidente del Consiglio Territoriale fosse parte attiva del processo di pacificazione, che ha portato allo svolgimento di nuove elezioni in data 25 aprile 2018. Le elezioni, regolarmente pubblicizzate e svolte, hanno visto la partecipazione di 311 cittadini. Alle operazioni di voto e di scrutinio, come da verbale, sono state presenti Roberta Mingozzi e Silvana Piolanti, presidente e vice-presidente del Consiglio territoriale del Mare, di cui, per disposizione regolamentare, rappresentano rispettivamente la maggioranza e la minoranza elette”.

Circa i “13.000 euro annui a titolo di rimborso spese” riconosciuti dal Comune nel 2018 all’unico Comitato di Lido di Dante esistente, in realtà 14.200, l’assessore ha precisato che attengono al servizio reso di “conservazione del decoro di alcune aree verdi pubbliche”, che la scelta di tale Comitato è avvenuta tramite avviso pubblico seguendo i criteri dettati dal bando di gara e che “per tutti i comitati ammessi la liquidazione dei contributi avviene in due rate previa rendicontazione delle spese sostenute in esecuzione del progetto concordato e definito con atto a firma del Dirigente del Servizio”.

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

I più letti della settimana

  • Falciano un ciclista e scappano, 25enne lasciato morire sul bordo della strada

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Un altro morto nel drammatico incidente di via Bastia: tragico bilancio

Torna su
RavennaToday è in caricamento