Lista per Ravenna chiede la moratoria per nuovi centri commerciali

Lista per Ravenna, il gruppo consigliare di opposizione guidato da Alvaro Ancisi, chiede una moratoria di due anni al rilascio di nuove autorizzazioni per l'apertura di medio-grandi strutture commerciali

Lista per Ravenna, il gruppo consigliare di opposizione guidato da Alvaro Ancisi, chiede una moratoria di due anni al rilascio di nuove autorizzazioni per l’apertura di  medio-grandi strutture commerciali. Su quelle grandi è competente la Provincia. Ancisi lo propone con un emendamento ai  criteri per il rilascio delle autorizzazioni alle medie strutture di vendita, in consiglio comunale giovedì 12 gennaio

Dice Ancisi: “La crisi del settore commerciale, soprattutto delle strutture di vendita minori, già in atto a Ravenna nell’ultimo decennio, è stata particolarmente, e forse drammaticamente, acuita dall’attuale fase di grave crisi economica del paese e dall’introduzione dei pesanti provvedimenti di risanamento della finanza pubblica, tanto da far temere un vera e propria recessione degli scambi commerciali, frenati da una forte minore propensione agli acquisti. Lo si è percepito chiaramente con l’andamento delle vendite durante le festività di fine anno.  La tendenza involutiva delle attività commerciali nel nostro comune (dati negativi dei fatturati e dei bilanci di esercizio, saldo negativo tra apertura e chiusura degli esercizi commerciali, pesanti contrazioni dei consumi, ecc.) è stata notoriamente influenzata da fattori di scompenso e di saturazione provocati dalle strutture commerciali di maggiore dimensione e impatto, a danno soprattutto di quelle piccole, di vicinato o medio-piccole”.

Nella prossima seduta del 12 gennaio, il consiglio comunale è chiamato a discutere i nuovi Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita, che comprendono quelle medio-piccole, tra 251 e 1500 metri quadrati di superficie, e quelle medio-grandi, tra 1501 e 2500 metri quadrati. E ancora Ancisi: “Soprattutto nuove aperture di queste rischiano, nell’attuale congiuntura, anche in previsione dell’impatto prodotto dalla liberalizzazione degli orari di apertura, di infliggere gravi ricadute negative alla tenuta degli esercizi minori, anche con conseguenze sociali a danno della qualità di vita della popolazione residente nelle frazioni del forese e dei lidi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tali ragioni, il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ha presentato un emendamento alla deliberazione in discussione, che, in sostanza, introdurrebbe una moratoria fino ad un massimo di due anni nel rilascio di autorizzazioni per nuove aperture di strutture di vendita medio-grandi. Su quelle grandi, con superficie maggiore di 2500 metri quadrati, la competenza è della Provincia, Ancisi auspica assuma analoga iniziativa, estesa anche all’aumento di superficie delle strutture esistenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza "cintura": si varcano i confini dei comuni solo per motivi strettamente necessari

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

Torna su
RavennaToday è in caricamento