"Non siamo centri di potere": Raffi presenta il libro sulla massoneria

L'avvocato ravennate, dai anni leader della massoneria in Italia, presenta il libro-intervista nel quale parla a 360 gradi della massoneria, della sua organizzazione e anche delle questioni più spinose

Gustavo Raffi, gran maestro del Grande Oriente d'Italia

Le Logge massoniche sono centri di potere? “Chi coltiva simili pensieri ha preso fischi per fiaschi”. Così Gustavo Raffi, ravennate di 67 anni, dal 1999 alla guida del Grande Oriente d’Italia, definisce i Liberi Muratori: 21.400 Fratelli in tutta Italia organizzati in 757 logge. Nel volume “In nome dell’Uomo” in libreria in questi giorni (Mursia, pagg. 232, euro 17,00. A cura di Gerardo Picardo. Prefazione di Paolo Peluffo), Raffi racconta il ruolo della Massoneria dal Risorgimento alla Modernità.

Nel dialogo con il giornalista Picardo, il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia/Palazzo Giustiniani, continua un percorso di trasparenza volto a gettare un raggio di luce e di chiarezza sulla massoneria, senza eludere i nodi più discussi: dalla massoneria deviata al rapporto con la Chiesa.

“La storia ha dimostrato che i veicoli erano ben altri – afferma Raffi a proposito della concezione delle logge come centri di potere -. Anche quando la Massoneria sembrò avere un grande potere, non era per il numero di tesserati ma per il suo grande progetto che calamitava le migliori intelligenze del Paese”. La trasparenza sulle liste degli iscritti? “Le liste sono depositate, al di là della legge sulla privacy, il Grande Oriente subordina la pubblicizzazione solo ed esclusivamente alla “par condicio” con altre associazioni politiche, culturali religiose.”

Nel libro si spazia a 360 grado- La P2 di Licio Gelli? “Dei terroristi che hanno mirato al cuore della nostra istituzione. La condanna del fenomeno P2 è totale e inappellabile.” La segretezza? “Nella Libera Muratoria italiana la segretezza non ha alcun senso e infatti non esiste.”
Raffi racconta in queste pagine la sua scommessa: quella di una Massoneria che è uscita dalle catacombe e dialoga alla luce del sole con la società di cui è parte, senza però rinunciare alle proprie radici, ai propri simboli e ai propri rituali e soprattutto al ruolo di religione civile e di palestra del libero pensiero.

La glasnost massonica ha portato in occasione del 150° dell’Unità d’Italia all’apertura degli archivi del Grande Oriente agli studiosi consentendo, come scrive Paolo Peluffo nella prefazione, di rispondere alla domanda su che cosa fu davvero il contributo della Massoneria alla rivoluzione nazionale. Perché l’adesione alla Massoneria fu qualcosa di eccezionalmente importante per i patrioti, liberali o democratici.” Un’importanza che storiografia marxista o tradizionale ha depotenziato mentre la pubblicistica cattolica ha enfatizzato consolidando l’idea della cospirazione internazionale che avrebbe dato vita allo Stato italiano. Ora, grazie al contributo documentale del Grande Oriente, è possibile mettere a fuoco il ruolo della Massoneria in modo equilibrato.

Da Cavour a Internet, Raffi ripercorre 150 anni della storia italiana attraverso le vicende della più antica comunione massonica del nostro Paese.

Gustavo Raffi, avvocato, classe 1944, ravennate, lega il suo nome al Grande Oriente d’Italia. Iniziato nel 1968, nel 1970 diventa Maestro Libero Muratore. Fondatore della Loggia «La Pigneta» di Ravenna, della quale è stato più volte Maestro Venerabile, è stato membro della corte centrale per il quinquennio 1985-90 e ha ricoperto la carica di presidente del collegio dei Maestri Venerabili dell’Emilia Romagna per due mandati. Quindi, Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia dal 1990 al 1993. Dal 1999 è Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia-Palazzo Giustiniani, carica che manterrà fino al 2014

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita lanciandosi sotto un treno: circolazione dei treni in tilt per ore

  • Ravenna in lutto: si è spento all'improvviso l'ex sindaco Fabrizio Matteucci

  • 'Accoglieteli a casa vostra', Fiorenza apre le porte a un rifugiato: "Grazie a lui ho ritrovato una famiglia"

  • Scontro in mare tra un peschereccio e un gommone: cinque feriti, due sono gravissimi

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

  • A soli 23 anni fa volare centinaia di persone nel mondo: "Ma quando decollo dal cielo cerco sempre Cervia"

Torna su
RavennaToday è in caricamento