Salvini arriva a Faenza: "Il candidato sindaco? Più disponibilità, faremo la scelta migliore"

"In questo momento penso a scegliere persone concrete, non chiediamo la tessera a prescindere, perciò se ci sono personalità del mondo delle professioni e del lavoro che si mettono a disposizione sono le benvenute"

Resta avvolto nel mistero il nome del candidato sindaco del centrodestra alle elezioni amministrative di Faenza previste per il 20 settembre - a differenza del nome del candidato del centrosinistra divulgato nei giorni scorsi. Sabato sera, infatti, il leader della Lega Matteo Salvini è arrivato in città, dove ha cenato insieme ai sostenitori al ristorante Casa Spadoni: ma dalle sue parole è trapelato poco in merito alla scelta del candidato.

"Abbiamo più di un'idea su come offrire finalmente una bella opportunità di cambiamento a Faenza e penso che nei prossimi giorni si sceglierà - ha spiegato Salvini - Fortunatamente c'è problema di abbondanza! C'è più di una disponibilità, quindi vedremo di fare la scelta migliore, anche a Imola. Sono orgoglioso della buona amministrazione di Forlì, e non solo di Forlì: i cittadini stanno toccando con mano il buon governo della Lega, quindi penso che sia Imola che Faenza potranno essere altre due tappe importanti. La gente riconosce coerenza, onestà, concretezza, è solo questione di tempo: possono essere tre mesi, e me lo auguro, o un anno".

Ci si chiede se il candidato potrà essere scelto anche tra i civici, al di fuori dalla Lega: "In questo momento penso a scegliere persone concrete e soprattutto squadre concrete - risponde Salvini - non chiediamo la tessera a prescindere, perciò se ci sono personalità del mondo delle professioni e del lavoro che si mettono a disposizione sono le benvenute. Ma non ex candidati del centrosinistra - ironizza poi rispondendo a una domanda - Non esageriamo!". Sempre scherzando, Salvini lancia una provocazione: "Io per sfidare il rischio quest'estate farò una roba incredibile e rivoluzionaria: verrò una settimana in Romagna!".

Durante la serata, il leader del Carroccio ha poi parlato di lavoro, cartelle esattoriali da stoppare "perchè non è il momento che Equitalia faccia una strage", di casse integrazioni ancora non pagate, del cambiamento a Faenza e di "un ministro come la signora Azzolina, che non può permettersi di pensare di tenere fuori dalle classi un milione di bambini a settembre, perchè se è così si dimetta, di danni ne ha già fatti abbastanza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vedervi così tanti ci fa ben sperare e ci dà tanto entusiasmo - ringrazia i presenti il segretario della Lega Romagna Jacopo Morrone - Insieme a Matteo Salvini stiamo costruendo una seria alternativa a questo Governo. Siamo dalla parte delle partite iva, dei lavoratori, degli imprenditori, dei commercianti e dei milioni di studenti che a settembre hanno il diritto di tornare a scuola. Ripartiamo insieme, ripartiamo dalla Romagna e soprattutto da Faenza, Imola e Verghereto!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento