Naufragio a Marina, Ancisi (LpRa): "Ora non finisca tutto in niente"

Ancisi sul tema si e'' speso anche con un esposto alla Procura, segnalando, in seguito a "propri approfondimenti sul fatto" che all''epoca non era attivo un efficiente radar anticollisione"

Le indagini si sono concluse ma il leader di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, tiene alta l''attenzione sullo scontro del 28 dicembre 2014 nella rada del porto di Ravenna, tra la nave del Belize Lady Aziza e quella turca Gokbel. In particolare per quanto riguarda i sistemi di sicurezza del porto. E rinnova l''interrogativo a cui ancora non ha ricevuto risposta sull''efficienza del sistema anti-collisione. Ancisi sul tema si e'' speso anche con un esposto alla Procura, segnalando, in seguito a "propri approfondimenti sul fatto" che all''epoca non era attivo un efficiente radar anticollisione. Ora, con la conclusione delle indagini, il suo timore e'' che si esaurisca "ogni interesse civico". Invece, rimarca, che "il sistema di sicurezza del porto non sia imputabile di fronte al Tribunale penale, non essendo dimostrabile la deliberata volonta'' di violare il codice da parte di nessuno, non esime dal riflettere su quanto non ha funzionato bene o non ha ricevuto risposta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, sulla possibilita'' da parte della Capitaneria di porto di applicare il blocco della navigazione per condizioni meteo avverse; e sul funzionamento del servizio di pilotaggio per assistere la Lady Aziza fino all''uscita dalle dighe dell''avamporto. Secondo Ancisi ci sono "margini di miglioramento-perfezionamento del servizio, adeguandone i termini normativi, o ponendo estrema attenzione all''esercizio delle attivita'', o agendo in forma almeno persuasiva" sui comandanti delle navi. Di certo, prosegue Ancisi, la Procura ha confermato "la piu'' grave mancanza, quella di un efficiente sistema di radar anticollusione". Quello attivo "era largamente superato" e quello "piu'' sofisticato era spento da tempo, in attesa di essere riconvertito" per vedere in tempo reale anche la rotta delle navi. Autorita'' portuale, conclude il civico, 10 giorni prima dell''incidente "aveva affidato ad una ditta i lavori di riparazione del radar esistente per un importo di 28.000". Ora "a che punto siamo col sistema anti-collisione?". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento