Nudismo, ancora dibattiti sulla spiaggia. Arriva l'ok della Forestale

Il Procuratore della Repubblica, Roberto Mescolini, interviene sulla tematica relativa al naturismo, di fatto chiarendo che ci sono delle regole e che non in tutto il litorale si può praticare questo genere di turismo

Il Procuratore della Repubblica, Roberto Mescolini, interviene sulla tematica relativa al naturismo, di fatto chiarendo che ci sono delle regole e che non in tutto il litorale si può praticare questo genere di turismo. “Il cerino, finora scaricato nelle mani della Forestale, “colpevole” di non autorizzare aree nudiste in mancanza dei servizi, - sottolinea il capogruppo di lista per Ravenna- Alvaro Ancisi - passa ora al Comune di Ravenna, che sembra voler restare con le mani in mano perfino di fronte alla proposta di un’area nudisti a Lido di Dante, schermata e regolamentata, dotata di tutti i servizi, immediatamente cantierabile e di nessun costo per le casse comunali, che ha avuto il nulla osta della Forestale”.

Il procuratore Mescolini ha respinto l’ipotesi che il nudismo balneare su questo arenile sia lecito ovunque e comunque. Non esiste un problema per i nudisti, chierisce Ancisi, “ Esiste invece il problema della sostenibilità di masse di bagnanti, nude o vestite non importa più, già oggi eccessive in una spiaggia che da Lido di Dante a Lido di Classe è Riserva Naturale dello Stato, oltre che d’interesse dell’Unione Europea, in cui, per legge, non potrebbe mettere piede nessuno, vestito o svestito, se non tramite visite guidate. La Forestale si preoccupa giustamente di questo, non di come gli umani siano e non siano abbigliati, ed interverrà, anche recintando tutto ed imponendo il divieto di accesso a tutti, vestiti o svestiti, se non saranno introdotte limitazioni al sovraccarico umano di un’area naturale unica al mondo, già troppo devastata.Noi la sosterremo fino in fondo e con le armi pacifiche che la legge ci consente di impugnare. Fuori tutti dalla Riserva Naturale? Nudisti liberi su tutti i due chilometri della spiaggia di Lido di Dante e chi non li apprezza se ne vada, compresi i residenti? Problemi del Comune e del comitato cittadino di Lido di Dante; ma anche della consigliera comunale residente a Lido di Dante, Savorelli, che in commissione ha “bocciato” la proposta della Confesercenti, con cui almeno si comincerebbe a introdurre qualche sana regolazione del fenomeno e che ha respinto, sprezzantemente, anche la nostra idea di un’area naturista immediatamente a nord della Foce dei Fiumi Uniti, ch