Inaugura il parcheggio di via Guidarelli. Il Pri: "Ravenna sia aperta alle auto"

Si tratta di una scelta positiva che apprezziamo, - affermano i consiglieri comunali del Partito Repubblicano -, ma continueremo a batterci affinchè non si concretizzi la volontà di chiudere tutto il centro storico alle auto".

Foto di repertorio

Apre giovedì pomeriggio il parcheggio di via Guidarelli realizzato da Azimut e Comune, grazie alla collaborazione con la Curia. “Si tratta di una scelta positiva che apprezziamo, - affermano i consiglieri comunali del Partito Repubblicano, Alberto Fussi e Roberto Ravaioli, e il vicesindaco Giannantonio Mingozzi -, ma continueremo a batterci affinchè non si concretizzi la volontà, espressa anche nel recente dibattito consigliare, di chiudere tutto il centro storico alle auto".

"Una tendenza che ci porterebbe nel giro di pochi anni a registrare una sommatoria di zone a traffico limitato vecchie e nuove, accessi controllati, piazze pedonalizzate e divieti vari che di fatto chiuderebbero completamente ogni possibilità di usare l’auto per recarsi in centro a Ravenna. Questa propensione ormai esplicita in buon  parte della maggioranza non ci trova d’accordo e non è contenuta in nessun accordo programmatico di governo del Comune - continuano gli esponenti del Pri -. Una piccola città come Ravenna non può limitarsi a sospendere per qualche mese la ZTL di via Guaccimanni in corrispondenza dell’avvio dei lavori di piazza Kennedy, come unico atto di parziale sollievo alle problematiche che avremo di fronte fra qualche mese".

Continuano Fussi, Ravaioli e Mingozzi: "Abbiamo proposto di sospendere almeno per un anno tutte le ZTL e di considerare nuove vie d’accesso alternative al centro storico che favoriscano le attività commerciali e la fruizione dei locali aperti nelle ore serali. Considerando poi che sono imminenti i lavori di ristrutturazione del mercato coperto anche questa è una ragione che dovrebbe convincere i più restii a non impiccare il centro storico e le mille attività di impresa, commerciali e artigianali che vi si svolgono, ad un progressivo divieto di accesso per le auto, pur cercando di orientare gli automobilisti verso alternative fuori dal centro storico".

"Molte città italiane ed europee hanno superato la fase delle restrizioni a tutti costi per aprire di nuovo un ragionamento di compatibilità  tra le esigenze delle attività e delle famiglie e la possibilità di fruire per tanta parte della giornata di una quota di centro storico raggiungibile in auto. - concludono -. Pertanto diamo il benvenuto al nuovo parcheggio ma non rinunceremo a batterci per mantenere aperta la città di Ravenna all’ingresso delle auto, in modo ragionato e con buon senso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento