Piazza Kennedy nel mirino di Forza Italia: "Dopo un anno il locale tecnico è ancora lì"

Dopo aver presentato un'interrogazione a giugno, il capogruppo di Forza Italia a distanza di dieci mesi ripropone un'identica interrogazione per chiedere come mai il locale tecnico non sia ancora stato rimosso

Ancarani non demorde. Dopo aver presentato un'interrogazione a giugno, a cui l'assessore ai lavori pubblici Roberto Fagnani rispose che "erano allo studio varie soluzioni e che entro la fine del 2017 si sarebbe provveduto a dare attuazione alle promesse sue e del sindaco", il capogruppo di Forza Italia a distanza di dieci mesi ripropone un'identica interrogazione per chiedere come mai il locale tecnico non sia ancora stato rimosso da Piazza Kennedy.

A gennaio fu discussa in consiglio comunale la petizione che chiedeva la rimozione dei padiglioni installati in piazza Kennedy a seguito della riqualificazione, principalmente con funzione di bagni pubblici ma contenenti anche un locale tecnico necessario ai pubblici spettacoli da svolgersi in piazza. "Il sindaco aveva annunciato che i bagni sarebbero stati rimossi, come effettivamente è accaduto, mentre per il locale tecnico sarebbe stata trovata un’altra soluzione meno impattante dal punto di vista visivo, ma che consentisse che le strumentazioni in esso contenute restassero a disposizione della piazza - spiega il consigliere di opposizione - Tuttora il sito istituzionale del Comune così riporta le dichiarazioni rese in quella sede dal Sindaco: “(...) siamo già al lavoro per trovare una soluzione efficace per il vano tecnico, che sarà anch’esso rimosso in un tempo ragionevole e sostituito da un intervento non impattante ma di qualità e funzionale e che consenta di non disperdere il patrimonio di sotto-servizi di cui la piazza è dotata”. Dopo quasi un anno da quella risposta e dopo un anno e mezzo dalle promesse del sindaco, a 2017
abbondantemente terminato, il locale tecnico, impattante quanto i bagni, risulta ancora nella stessa posizione e non sono arrivate comunicazioni di sorta circa il suo destino. Sarebbe opportuno studiare una soluzione meno impattante, come dichiarato dallo stesso sindaco, per esempio abbassandolo in altezza e consentendo la copertura delle strumentazioni con altra modalità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se il sindaco ha cambiato idea rispetto alle sue dichiarazioni - conclude Ancarani - dovrebbe avere la compiacenza di annunciarlo con analoghe modalità, senza sperare che quanto detto venga eventualmente dimenticato dai cittadini. Chiediamo dunque al sindaco se confermi quanto dichiarato ormai 18 mesi fa per rendere meno impattante il “locale tecnico in piazza Kennedy”; in caso affermativo se non ritenga di doversi scusare con i cittadini per il ritardo fra quanto annunciato e la realizzazione della promessa e quali tempistiche sia lecito attendersi per arrivare al risultato annunciato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento