La Pigna attacca il sindaco De Pascale: "Accumulatore seriale di incarichi"

Roberto Ticchi (coordinatore La Pigna) "De Pascale, l’accumolatore seriale di incarichi. Ma quando comincerà a fare il sindaco?"

É di martedì la notizia che il cervese Michele De Pascale é stato eletto presidente dell'Unione Province Italiane. "Da quando é stato eletto sindaco di Ravenna ha raccolto un'infinità di incarichi politici ed istituzionali mai detenuti da nessuno - esordisce Roberto Ticchi, coordinatore lista civica La Pigna -. Un vero e proprio record. Infatti dopo essere stato eletto Sindaco di Ravenna il 19 giugno 2016 è stato proclamato presidente della Provincia di Ravenna il 4 agosto 2016. Il tutto mentre era a quel tempo anche Segretario Provinciale del Pd. Il 31 maggio dello scorso anno è eletto presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani dell'Emilia Romagna ed è anche membro del Consiglio Nazionale dell'Anci. E' anche Membro di diritto del Direttivo della Provincia di Ravenna del Partito Democratico.

"Per il Partito Democratico è il coordinatore per l'Emilia Romagna della mozione di Nicola Zingaretti candidato alla carica di segretario nazionale del Pd - prosegue Ticchi -. E notizia che per le primarie nazionali del Pd che si svolgeranno il 3 marzo de Pascale e’ uno dei 5 capilista . Facile pensare che verrà poi anche eletto negli organi dirigenti nazionali del Pd aggiungendo  altri incarichi a quelli già troppi in essere. De Pascale fra l'altro è in perenne movimento pur di ottenere ruoli e visibilità attraverso un impegno nel partito democratico che in soli 4 anni lo ha portato ad essere sostenitore di Bersani, Renzi, Martina e adesso Zingaretti.E' chiaro che de Pascale ha come obiettivo a breve termine una carriera da parlamentare a Roma e non ha certo a cuore i problemi di Ravenna".

"Fare il sindaco di Ravenna con tutti i problemi della città e del territorio come, solo per fare qualche esempio il lavoro,la sicurezza, i collegamenti, la sanità, le strade e i marciapiedi dissestati, la chiusura della Ravegnana e della E45, il porto il cui escavo viene da decenni ritardato, la Pialassa Piomboni morente, l'eleminazione delle barriere architettoniche, il turismo e le crociere che faticano ad approdare, richiede un impegno a tempo pieno - chiosa l'esponente della lista civica -. De Pascale con tutti questi incarichi può solo dedicare pochissimo tempo per l'amministrazione della città di Ravenna e quando lo fa lo si vede soprattutto per la sua attività di taglia nastri o per i flash mob a favore dei clandestini".

"Ricordo al cervese De Pascale che l'indennità del Sindaco è pagata coi soldi dei ravennati e non certo con quelli del Pd che si è liberato del suo costo di funzionario, ora peraltro in aspettativa, nel momento del suo insediamento a Palazzo Merlato - conclude Ticchi -. I ravennati hanno il diritto di avere un Sindaco a tempo pieno e non di un Sindaco che pensa  unicamente è sfacciatamente Ravenna come trampolino di lancio per la sua carriera politica dentro il Pd. Dal momento che ha altri interessi faccia un gesto di coerenza e serietà: si dimetta e consenta ai ravennati di eleggere un nuovo Sindaco che si occupi a tempo pieno dei gravi problemi del territorio ravennate, tra l'altro causati da lui stesso e dal suo PD. I ravennati ne sarebbero felici e grati"-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Cade mentre lavora al porto e si frattura il cranio: operaio in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento