Presentata la lista Insieme per la Provincia di Ravenna: "Una squadra plurale"

La lista costituita da dodici componenti, sei uomini e sei donne, e include al suo interno tre sindaci ed esponenti di primo piano sia di partiti che di liste civiche

Giovedì è stata presentata la lista per il Consiglio provinciale "Insieme per la Provincia di Ravenna". La lista è stata promossa dai diciotto sindaci della provincia. "Le Province italiane vivono ancora una situazione di grande difficoltà - spiegano dalla lista - sia l’edilizia scolastica superiore che la viabilità provinciale versano tutt’ora in una situazione difficile, nonostante il positivo lavoro svolto in questi anni dalla struttura tecnica della provincia. In questo quadro complesso la capacità deve essere quella di unire le forze chiamando tutte le energie positive ad offrire un contributo con il principio che, al netto di possibili riforme di cui si è parlato recentemente, ad oggi la Provincia è la grande casa dei Comuni".

"Ringrazio i consiglieri provinciali della lista Insieme per la Provincia di Ravenna che hanno svolto il loro mandato fino ad oggi – dichiara Michele de Pascale, presidente della Provincia di Ravenna – e tutti i sindaci e i consiglieri che si sono messi a disposizione di questo progetto, in particolare coloro che hanno dato la disponibilità a candidarsi. È una squadra plurale che ha come unico obiettivo quello di mettersi al servizio dei cittadini della Provincia di Ravenna".

La lista costituita da dodici componenti, sei uomini e sei donne, e include al suo interno tre sindaci ed esponenti di primo piano sia di partiti che di liste civiche: Alessandro Barattoni, consigliere comunale Ravenna; Fiorenza Campidelli, consigliera comunale Ravenna; Chiara Francesconi, consigliera comunale Ravenna; Riccardo Francone, sindaco Bagnara di Romagna; Gianmarco Lanzoni, consigliere comunale Riolo Terme; Maria Luisa Martinez, consigliera comunale Faenza; Francesca Merlini, consigliera comunale Riolo Terme; Luca Ortolani, consigliere comunale Faenza; Nicola Pasi, sindaco di Fusignano; Daniele Perini, consigliere comunale Ravenna; Eleonora Proni, sindaca di Bagnacavallo; Loretta Sintoni, consigliere comunale Cervia.

Commenta il segretario provinciale del Pd Alessandro Barattoni: "Nonostante la complessità dei problemi che oggi incontrano le Province nel trovare risorse e gestire competenze con il nuovo assetto istituzionale, l’amministrazione ha continuato a svolgere un ruolo importante e strategico, specialmente su alcune tematiche centrali come le strade e le scuole superiori. La nostra Provincia ha svolto un lavoro positivo che ha saputo coinvolgere tutte le forze di maggioranza ma anche molte forze di minoranza. Proseguiremo con la proficua collaborazione di tutti i sindaci e consiglieri che si sono messi a disposizione e che finora ha caratterizzato il nostro impegno per tutti i cittadini del territorio. Credo però che la politica in generale e il nostro partito in particolare debbano affrontare un indispensabile ragionamento sull’architettura istituzionale che va ripensata e riprogettata e le province devono essere al centro di questa discussione. Lasciare importanti responsabilità e funzioni a un ente che non ha la necessaria dotazione di risorse economiche e umane è una contraddizione che va superata".

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Comprare una casa all'asta: come si fa?

I più letti della settimana

  • Sciagura a Mirabilandia: bambino di 4 anni muore annegato nel parco divertimenti

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • Paura al parco divertimenti: bambino rischia di annegare, è gravissimo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Rischia di annegare mentre fa il bagno: salvato dai bagnini, è in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento