Presidio della Rete antifascista in Prefettura contro il "decreto Salvini"

La rete antifascista di Ravenna ha indetto, per mercoledì 28 novembre, un presidio davanti alla Prefettura in piazza del Popolo per protestare contro il decreto sicurezza

La rete antifascista di Ravenna ha indetto, per mercoledì 28 novembre alle 17.30, un presidio davanti alla Prefettura in piazza del Popolo per protestare contro il decreto sicurezza, ma anche contro fascisti e repressione, prendendo come spunto da alcuni fatti successi di recente, tra cui le minacce pervenute in una lettera ad Andrea Maestri.

"A Ravenna (come altrove) vediamo che la realtà è completamente rovesciata: da parte delle istituzioni l'apologia di fascismo non è un reato perseguibile, e il fascismo pare essere un'opinione e non un crimine - commentano dalla rete - I fascisti vengono autorizzati a manifestare, a fare le loro ronde, a portare in strada i loro lugubri simboli, ma la repressione colpisce gli antifascisti. Il decreto liberticida Salvini punta proprio a un salto repressivo fascista contro gli immigrati e le lotte politiche e sociali: dobbiamo puntare a farlo cadere assieme al governo. Ora basta: se è un moderno fascismo che avanza, è tempo di una nuova resistenza antifascista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

  • Qualità della vita, criminalità altissima a Ravenna: peggio di lei solo Milano, Rimini e Trieste

  • Incendio al panificio: fermato sospettato, l'avrebbe dato alle fiamme per evitare il pignoramento

Torna su
RavennaToday è in caricamento