Sagre e feste no profit: si fa chiarezza sulla somministrazione di alimenti e bevande

Il testo messo è stato ulteriormente e leggermente modificato, a seguito dell’unanime approvazione di due emendamenti presentati dalla consigliera Cinzia Valbonesi (Pd) e di due modifiche apportate da Ancisi sempre su richiesta di Valbonesi

Nella seduta di martedì il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un atto di indirizzo su svolgimento di sagre e feste no profit con somministrazione di alimenti e bevande (proposta di deliberazione presentata dal consigliere comunale Alvaro Ancisi ai sensi dell’articolo 44 del regolamento del consiglio comunale). Il capogruppo di Lista per Ravenna Ancisi ha ricordato che il testo originale, da lui proposto ad agosto 2016, è stato lungamente discusso, e di conseguenza progressivamente modificato e integrato, nelle sedute delle commissioni consiliari Affari istituzionali e Attività produttive del 15 marzo 2017 e del 27 luglio e 21 novembre scorso.

Ha quindi dato lettura dell’ultima versione. Il testo messo poi in votazione, e approvato all’unanimità, è stato ulteriormente e leggermente modificato, a seguito dell’unanime approvazione di due emendamenti presentati dalla consigliera Cinzia Valbonesi (Pd) e di due modifiche apportate da Ancisi sempre su richiesta di Valbonesi. Sono intervenuti, oltre al consigliere Ancisi, la consigliera Cinzia Valbonesi (Pd) e l’assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani. Sia dal gruppo Pd che dalla giunta è stato sottolineato come" la discussione sulla proposta presentata da Ancisi sia arrivata a un risultato positivo essendo partita dalla comune volontà di non penalizzare i soggetti no profit organizzatori di eventi e allo stesso tempo di tutelare ristoratori e pubblici esercizi. Per salvaguardare entrambe le esigenze non sono stati creati nuovi vincoli ma è stata prevista l’applicazione puntuale delle disposizioni esistenti".

Spiega Ancisi: "Con “sagra” si intendono le manifestazioni temporanee chiamate anche “festa”, “festival”, “fiera” o simili, che abbiano finalità di valorizzazione del territorio e/o di aggregazione o utilità sociali, benefiche o solidaristiche, mediante l’utilizzo e la somministrazione di prodotti o lavorazioni di carattere enogastronomico, uno o più dei quali aventi rappresentatività culturale o identitaria del territorio stesso. È richiesto, quando possibile, il coinvolgimento operativo di realtà produttive e commerciali locali. Sono abilitati all’organizzazione delle sagre i soggetti no-profit, quali istituzioni pubbliche, organizzazioni politiche, sindacali, religiose, benefiche e le associazioni con finalità culturali, sportive, del tempo libero e del volontariato, pro-loco e comitati cittadini, rappresentati o radicati nel territorio del Comune di Ravenna o dei Comuni limitrofi della provincia, nonché gli enti del Terzo Settore".

Prosegue l'esponente di Lista per Ravenna: "Viene istituito, in forma pubblica, il “Calendario annuale delle sagre e feste” che si svolgono sul territorio del Comune di Ravenna, nelle quali si somministrano in modo temporaneo alimenti e bevande. Il calendario potrà essere disposto secondo categorie omogenee, ad esempio per attività prevalente e per tipologia dei soggetti organizzatori. Queste manifestazioni non possono avere fine di lucro. A norma del sistema tributario statale, l’attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande è soggetta, in maniera tracciabile, al rilascio di ricevuta/scontrino avente valore fiscale, da cui sono esclusi solo i soggetti organizzatori che ne sono esentati per norma di legge. Può esserci abbinamento con una o più iniziative culturali e/o sportive e/o ricreative e/o espositive, purché ad accesso libero. Ai fini della definizione del provvedimento, dei Calendari annuali e della soluzione dei problemi in corso di gestione del provvedimento stesso, verranno sentite le organizzazioni del commercio e del turismo maggiormente rappresentative, nonché le rappresentanze degli enti di Terzo Settore e dei soggetti associativi direttamente interessati".

Chiarisce ancora l'esponente della lista civica: "Circa il numero massimo dei giorni di durata della somministrazione temporanea di alimenti e bevande nell’ambito della singola sagra o festa, sarà la giunta comunale a definirne i termini sentendo le organizzazioni e le rappresentanze associative, come detto sopra. La mia proposta, sostenuta da tutte le opposizioni e condivisa da Confcommercio e Confesercenti, era di 12 giorni massimi per anno e per località non frazionabili in più di due volte; quella della giunta comunale e della maggioranza è invece di applicare anche alle manifestazioni senza scopo di lucro la norma stabilita dai “Criteri di programmazione” per la somministrazione di alimenti e bevande, approvati dal consiglio comunale nel dicembre 2012, valida in genere per le imprese: cioè 30 giorni consecutivi, con possibilità di ulteriore analoga autorizzazione decorsi 90 giorni da quella precedente. Tra le circa cento sagre o feste no profit che si svolgono ogni anno nel Comune di Ravenna, non si è peraltro ravvisato, neppure durante la discussione in consiglio comunale o in commissione, che ne esistano altre, diverse dalle Feste dell’Unità, che impegnino più di 12 giorni. Giusto che su questo punto si persegua ad una mediazione tra attività con o senza scopo di lucro, tramite concertazione con le parti sociali a diverso titolo interessate".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lavorare in Formula Uno: la scuderia Toro Rosso cerca personale

  • Cronaca

    Nuova raccolta differenziata: sistema misto nel forese, sanzioni salate per i 'furbetti'

  • Cronaca

    Ravegnana chiusa, niente tasse per le imprese penalizzate: idem a Torri e Grattacoppa

  • Cronaca

    Tutti in sala con i 'CinemaDays': film sul grande schermo a soli tre euro

I più letti della settimana

  • Impressionante schianto, auto accartocciata da un camion contro il muro di una casa

  • Violento schianto all'incrocio: uomo in condizioni gravissime

  • Quali sono le dieci migliori pizzerie di Ravenna? La classifica di Tripadvisor

  • Rifiutano la scuola e vivono chiusi in camera: a Ravenna segnalati 24 'Hikikomori'

  • Apre un nuovo negozio d'abbigliamento in centro storico: e cerca personale

  • Il nuovo velox fisso sull'Adriatica inizia a fare le multe: ecco cosa si rischia

Torna su
RavennaToday è in caricamento