Recupero di Palazzo Guiccioli, l'investimento della Fondazione: ospiterà Museo Lord Byron

In una lettera al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, Lanfranco Gualtieri, il vicesindaco Giannantonio Mingozzi ha sottolineato "il valore straordinario ed in alcuni settori di intervento determinante che assume l'insieme delle erogazioni che il bilancio 2014 della Fondazione conta di attuare"

La Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna conferma il suo impegno per lo sviluppo sociale ed economico del ravennate approvando il documento programmatico previsionale che mette sul tavolo per il 2014 8,75 milioni di euro, il record degli ultimi esercizi. La crisi e le conseguenti problematiche sociali hanno spinto la Fondazione a sostenere con priorità gli interventi sociali. Fra le principali erogazioni infatti ci sono quelle per l'assistenza ad anziani e persone disagiate (1.400.000 euro), per il volontariato (950.000), per la salute pubblica, (550.000), sviluppo locale ed edilizia popolare (450.000), tossicodipendenze (50.000).

Inoltre per la formazione giovanile, l'università e la ricerca sono previste erogazioni per quasi 2,5 milioni: per l'educazione e prodotti editoriali 1.650.000 euro, per le iniziative di promozione delle attività sportive dilettantistiche 490.000 euro, per la ricerca scientifica e tecnologica 300.000. Ma ci sono anche circa 2,8 milioni che vengono destinati ad arte e beni ed attività culturali. Per la Fondazione Ravenna deve infatti divenire anche sempre più un luogo aperto a nuove offerte culturali di qualità e a nuove sperimentazioni.

In questa quindi va il progetto di recupero di Palazzo Guiccioli destinato ad ospitare un museo dedicato a Lord Byron, "che sarà di particolare interesse anche per gli stranieri di lingua anglosassone". Nel quadro del progetto per Ravenna Capitale della Cultura nel 2019, importante è anche l'avvio dell'intensa attività espositiva nei Chiostri Francescani di proprietà della Fondazione. La Fondazione, spiega, "riesce a confermare interamente l'entità del suo intervento grazie ai costanti dividendi rivenienti dalla partecipazione nella Cassa di Risparmio di Ravenna Spa, con la quale costituisce un circuito virtuoso: il presidente Gualtieri ha quindi pertanto espresso un vivo ringraziamento al Presidente della Cassa, Antonio Patuelli ed al dg, Nicola Sbrizzi".

In una lettera al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, il vicesindaco Giannantonio Mingozzi ha sottolineato “il valore straordinario ed in alcuni settori di intervento determinante che assume l’insieme delle erogazioni che il bilancio 2014 della Fondazione conta di attuare". Mingozzi ringrazia Gualtieri "soprattutto per il delicato insieme di provvedimenti che intendete attuare nel campo sociale e delle situazioni familiari e sanitarie più disagiate; anziani, volontariato, salute pubblica, edilizia popolare e prevenzione sono capitoli senza i quali la situazione di alcuni comparti della vita civile ravennate sarebbe ben più grave e difficile".

"Anche l’intervento per l’università, la formazione giovanile e la ricerca per un totale di 2,5 milioni di euro assume un’ importanza determinante ad esempio per il futuro degli insediamenti universitari in crescita costante ed invidiabile. Infine la cultura e lo sport per tutto quello che riuscite a sostenere sia attraverso la presenza nelle Fondazioni sia come intervento diretto come nel caso del recupero di Palazzo Guiccioli destinato a Museo del Risorgimento ed alla vita di Lord Byron”, conclude Mingozzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento