Taser, droni, cani antidroga: cinque proposte per potenziare le attività della Municipale

Sono quelle elaborate nei giorni scorsi da Lista per Ravenna e presentate dal capogruppo in consiglio comunale Alvaro Ancisi e dal capogruppo nel consiglio del centro urbano Stefano Donati

Cinque proposte per rafforzare le attività della Polizia municipale: sono quelle elaborate nei giorni scorsi da Lista per Ravenna e presentate dal capogruppo in consiglio comunale Alvaro Ancisi e dal capogruppo nel consiglio del centro urbano Stefano Donati. "Abbiamo elaborato cinque ordini del giorno, che sottoporremo quanto prima al voto del consiglio comunale, affinché diventino realtà concrete e operative - spiegano i due consiglieri d'opposizione - Si tratta di proposte decisamente innovative anche sul piano nazionale, che saranno  portate avanti e sostenute da Lista per Ravenna fino alla loro piena esecuzione, anche adoperandoci perché entrino a far parte, come fin d’ora chiediamo, del nuovo regolamento di Polizia municipale, quando la Giunta De Pascale si deciderà, dopo due anni di annunci, a portarne la bozza in Consiglio comunale".

Le cinque proposte

Sperimentare il taser - "Il Decreto Sicurezza approvato dal Consiglio dei Ministri consente ai Comuni con oltre 100mila abitanti di assegnare il “taser” (pistola ad impulsi elettrici, altrimenti detta storditore o dissuasore elettrico) alla Polizia municipale - spiegano Ancisi e Donati - Come dispone il Decreto Sicurezza, si parte da una fase sperimentale di sei mesi in cui siano impegnati, su base volontaria, due agenti del Corpo, al termine della quale il Comune potrà decidere, valutatone l’esito, se mettere a regime quest’arma, assegnandola in uso ad agenti della Polizia municipale selezionati allo scopo e disponibili".

Istituire una o due Unità Cinofile Antidroga - "L’utilizzo di cani addestrati per la ricerca di sostanze stupefacenti si è dimostrato un ottimo deterrente per scoraggiare la presenza di pusher e consumatori nelle città dove la Polizia municipale ne è stata dotata (ad esempio, nella nostra regione, Bologna, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e ora anche Rimini) - proseguono i consiglieri - Potrebbero essere utilizzate soprattutto nel centro storico e nelle zone più calde dello spaccio, anche come prezioso supporto alle unità delle altre forze di Polizia, così garantendo una maggiore copertura del territorio. Il percorso di addestramento richiede qualche mese, ma i benefici possono essere molto importanti, specie in realtà come Ravenna dove il traffico e l’abuso di sostanze stupefacenti riempiono continuamente le pagine di cronaca. Ne chiediamo una o due".

Prolungare fino alle 2.00 i turni di vigilanza - "La Polizia municipale di Ravenna, dotata nel 2018 di 30 nuovi agenti e composta ora di 200 unità, è uscita dalla precedente ristrettezza dell’organico - precisano i due politici - Il servizio di vigilanza stradale continua però a operare, salvo solo il sabato, con appena tre turni, dalle 7.00 all’1.00 di notte. Recentemente, il Comune di Cesena, a seguito di un importante accordo con CGIL, CISL UIL ed RSU, ha ampliato i turni della Polizia Municipale dalle 0.45 alle 2.00. Chiediamo che, allo stesso modo, si faccia ciò anche a Ravenna".

Acquisire un drone - "I droni sono entrati in dotazione a molte Polizie dei Comuni, tra cui quelli a noi vicini di Cervia e Forlì - aggiungono Ancisi e Donati - Possono essere di supporto a varie attività: controlli edilizi, verifica dei caseggiati danneggiati da eventi atmosferici, rilevazioni sugli incidenti, controlli delle manifestazioni, indagini di polizia, sorveglianza e contrasto allo spaccio di stupefacenti. Chiediamo che ne sia acquistato uno, istruendone il personale attraverso i corsi riconosciuti dal Ministero dell’Interno".

Adottare il kit di automedicazione “B-Con” - "Il kit “B-Con – Bleeding Control” è un pacchetto automedicante individuale che, all’esigenza, può essere usato anche su terzi. Può essere fondamentale in caso di ferite meccaniche, da armi da taglio o da fuoco. Si propone - concludono i consiglieri - come hanno fatto altri Comuni, di promuoverne l’uso, formando allo scopo alcuni agenti della Polizia municipale di Ravenna tramite l’iscrizione a corsi specifici, completamente gratuiti se svolti dal movimento di specialisti volontari “Stop the Bleed”, il cui protocollo ha ottenuto il riconoscimento ministeriale e che collabora con la Croce Rossa Militare. Si richiede contestualmente di acquisirne un certo numero, in relazione alle esigenze di servizio, per le automedicazioni individuali".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In migliaia in marcia contro la mafia: "Le loro idee camminano sulle nostre gambe"

  • Video

    "La mafia uccide, il silenzio pure": corteo in memoria delle vittime innocenti - VIDEO

  • Cronaca

    Laura pausini arrabbiatissima, il nuovo singolo circola illegalmente: "Datemi nome e cognome"

  • RavennaToday

    "#Iodestatelavoro": il lavoro stagionale cerca i giovani

I più letti della settimana

  • Viola vince 190mila euro all'Eredità: "Regalerò un viaggio in America a mia madre"

  • Finisce in acqua con l'auto, scattano le disperate ricerche del corpo: ma la donna era a casa sua

  • Violenta esplosione in un'azienda: due ustionati, uno è in condizioni gravissime

  • Scossa di terremoto questa mattina: avvertita in alcuni comuni collinari del faentino

  • Perde il controllo dell'auto e vola nel fiume: si cerca una 49enne

  • La nuova hamburgeria gourmet che vuole far rinascere il centro storico: e assume personale

Torna su
RavennaToday è in caricamento