Una ravennate al trono over di "Uomini e donne". E si presenta come "rivale" di Gemma

"Non sono la classica azdora romagnola che fa i cappelletti alla domenica ",sono state le prime parole

Una ravennate al trono over di "Uomini e donne". Si tratta di Antonella, che si è presentata al programma condotto da Maria De Filippi ed in onda su Canale 5 per conoscere il torinese Jean Pierre, già corteggiato da Gemma Galgani, veterana dello studio. "Non sono la classica azdora romagnola che fa i cappelletti alla domenica ", sono state le prime parole. Bionda, con capelli corti, la ravennate si è detta incuriosita del cavaliere piemontese per la sua personalità e per i lineamenti, "sempre pacato, con le parole giuste al momento giusto e mai polemico".

"Sono un po' eccletica a 360 gradi, nel senso che sono una persona alla quale piace ballare e cantare e non ho paura a buttarmi in un karaoke". Jean Pierre l'ha definita "una bella signora", decidendo di conoscerla e concedendosi a due balli. Immediata la reazione di gelosia di Gemma, presa di mira ironicamente dagli opinionisti Gianni Sperti e Tina Cipollari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento