Calcio, tre rientri da prestiti per il Faenza: sono Salazar, Lanzoni ed Errani

“La società è molto contenta di questi rientri – dichiara il diesse Nicola Cavina per la compagine manfreda – Quando un giocatore decide di tornare, significa che si è trovato bene e ha le motivazioni giuste. Hanno tutti e tre le potenzialità per dare un contributo importante”

Si va completando il Faenza calcio che agli ordini del nuovo mister Alessandro Moregola si radunerà il 5 agosto per l’avvio della preparazione al campionato di Promozione. In attacco, dopo alcuni mesi al Ronco Forlì, è atteso il rientro di Domenico “Mimmo” Salazar (nato il 1 giugno 2000) tra le più brillanti giovani punte uscite dal settore giovanile manfredo negli ultimi anni. Dal Solarolo ritornano in biancoazzurro il difensore Francesco Lanzoni, il veloce giovane terzino (nato il 29 luglio 1998), che potrà dare un apporto di rilievo in fase di spinta e in copertura e il centrocampista Tommaso Errani (data di nascita 11 dicembre 1994) che porterà un contributo di tecnica ed esperienza.

“La società è molto contenta di questi rientri – dichiara il diesse Nicola Cavina per la compagine manfreda – Quando un giocatore decide di tornare, significa che si è trovato bene e ha le motivazioni giuste. Hanno tutti e tre le potenzialità per dare un contributo importante”. Tutti e tre i giocatori sono convinti e contenti della scelta fatta. Domenico Salazar arriva dopo una stagione divisa a metà: prima al Faenza sia in Prima Squadra che da protagonista con la Juniores e poi al Ronco Forlì dove ha contribuito al successo nel campionato di Promozione.

“E’ stato un bel periodo, che mi ha fatto crescere, in un gruppo importante che però di fatto ora si è sciolto dopo la vittoria con la fusione tra Ronco e Cava. – dice “Mimmo” Salazar – La proposta del Faenza di tornare mi ha fatto riflettere, ma ben poco perché con il direttore sportivo Cavina e il mister Moregola c’è stata subito intesa. Torno volentieri per due motivi. Il primo è tecnico perché mi convincono l’idea di base e il progetto di fare bene e riportare questa società nella categoria che merita. Il secondo affettivo dal momento che il biancoazzurro mi è cucito addosso: dal 2010 ho fatto la trafila nelle giovanili fino a debuttare a 16 anni in Prima squadra. Ritrovo tanti compagni della Juniores e amici anche fuori dal campo, con cui ho giocato anno passato fino a dicembre”.

“Sono contento di tornare nella squadra della mia città – dice Francesco Lanzoni – dopo un anno di esperienza altrove. Ho accettato volentieri la proposta della società da parte del diesse Cavina. Mi ha fatto una ottima impressione il mister Moregola, tecnico preparato e di personalità. Credo che con il lavoro potremo fare bene e giocarci le nostre chance in un torneo che si annuncia impegnativo e di livello”.

Compagno di squadra al Solarolo e ora di nuovo assieme al Faenza è Tommaso Errani che affiancherà al ruolo di giocatore quello di tecnico assistente del settore giovanile negli Esordienti 2007 accanto al padre Pietro, poi anche per i Giovanissimi 2004 e i Pulcini 2011.

“Non è la prima volta che torno a Faenza dopo una esperienza altrove e devo dire che sono contento della fiducia ancora una volta dimostratami dalla società – sottolinea Errani – A Solarolo ho giocato con continuità assieme a Francesco Lanzoni in questa categoria dove credo che una squadra giovane come il Faenza possa dire la sua, innanzitutto cercando il gioco. L’allenatore Moregola è molto determinato”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

  • Picco di enterococchi in mare: scatta il divieto di balneazione

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

Torna su
RavennaToday è in caricamento