Canoa, pesca, mostre e cene nei capanni: torna la "Discesa dei Fiumi Uniti"

Quest’anno sarà possibile seguire amici e parenti iscrivendosi alla “Discesa a piedi e in bici”, un modo per partecipare a un evento collettivo e condividere i passaggi più emozionanti con i canoisti

La discesa dei Fiumi Uniti, l’escursione in canoa ideata da Trail Romagna e supportata dal Gruppo Canoa Uisp Ravenna, giunge al quarto anno con un’importante novità: la compartecipazione diretta del Comune di Ravenna e la collaborazione di gran parte dei protagonisti del tavolo di lavoro coordinato dal Ceas “Fiumi Uniti per tutti”, un progetto che mira alla realizzazione di un percorso fluviale tutelato dei fiumi Montone, Ronco e Fiumi Uniti.

“Abbiamo ritenuto di dare il concreto sostegno dell’amministrazione all’evento ideato da Trail Romagna – hanno affermato l’assessore all’Ambiente Gianandrea Baroncini e il vicesindaco Eugenio Fusignani – perché vi convergono più obiettivi: sia ambientali e culturali, sia sportivi e ricreativi, che permettono di conoscere e promuovere il nostro territorio, naturalisticamente dotato, in chiave di salvaguardia ma anche di sviluppo della fruibilità da parte dei residenti e dell’arricchimento della proposta turistica; per questo auspichiamo una partecipazione e un coinvolgimento sempre maggiori per quella che può a pieno titolo definirsi come una festa della natura, dello sport e della socialità”.

La discesa

La discesa vera e propria, in programma domenica 20 maggio grazie al sostegno di Hera, porterà in acqua canoe, kayak e sup (stand-up paddle) con la formula che ha decretato il successo delle passate edizioni, tre punti di partenza che corrisponderanno ad altrettante lunghezze e gradi di preparazione dei partecipanti: 13 km dalla Chiusa San Marco (partenza ore 9), 9 km da Ponte Nuovo (dalle 10) e circa 4 km dalla Chiusa Rasponi di Porto Fuori (start 10.30 per la canoa family). Unico per tutti l’approdo finale, la spiaggia di Lido di Dante o, in caso di moto ondoso rilevante, la sponda Sud della foce. Tre partenze, tre luoghi significativi nella storia di Ravenna Città d’acque che segnano tratti paesaggisticamente differenti. La prima parte è caratterizzata da un ambiente dall’aspetto ‘selvaggio’, con sponde ricoperte da vegetazione e dalla presenza di uccelli che stanziano sulle rive; da Punta Galletti, poco prima di Ponte Nuovo, entriamo nella zona più antropizzata, quella che lambisce la città, qui l’alveo fluviale si allarga e le sponde si arricchiscono di orti; dopo la chiusa Rasponi, dove i partecipanti effettuano un trasbordo e si ristorano, inizia l’ultimo tratto, contraddistinto dalla presenza dei capanni da pesca, uno scorcio romantico tipico del nostro territorio che preannuncia la vicinanza del mare. Grande attenzione è riservata alla sicurezza che sarà garantita dalla Società Nazionale di Salvamento con quattro bagnini su motoscooter, un dottore e 2 equipaggi Opsa della Croce Rossa con un mezzo d’ausilio sugli argini, la Guardia Costiera ausiliaria, personale Anmi, e istruttori del Gruppo Canoa Uisp Ravenna.

Tutti gli eventi

Quest’anno sarà possibile seguire amici e parenti iscrivendosi alla “Discesa a piedi e in bici”, un modo per partecipare a un evento collettivo e condividere i passaggi più emozionanti con i canoisti. Nessun obiettivo cronometrico per gli oltre 100 equipaggi già iscritti, ma l’occasione per osservare il fiume da una prospettiva unica, l’acqua, la visuale più corretta per fotografare il nostro territorio e l’ecosistema fluviale che ne rappresenta la più sincera testimonianza. Per questo motivo, la Delegazione Fai di Ravenna e Cestha in collaborazione con Legambiente accompagneranno la discesa con lo slogan “No littering”, un urlo per fermare le plastiche in spiaggia e al mare. I canoisti saranno i primi osservatori delle plastiche galleggianti e i più volenterosi riceveranno un sacco per la raccolta, attività che sarà promossa anche alla foce. Anche i più piccoli saranno ecologici grazie alle attività promosse dall’Associazione Tra le Nuvole a Lido di Dante. “Un fiume per amico” stimolerà la creatività dei bambini con un laboratorio di economia circolare: una vecchia maglietta diventerà una comoda shopper che riprodurrà il logo “Fiumi Uniti per tutti”.

Non si può parlare di fiumi e mare senza raccontare la pesca, a maggior ragione se questa ha la spettacolarità del “surf-casting”, tradotto lancio sull’onda. Dalle ore 10 nella spiaggia libera gli amici del Surf casting Romagna e Un Mare di Mosaico faranno dimostrazione di pesca dalla spiaggia e daranno a tutti la possibilità di lanciare con le lunghissime canne. Il finale dell’evento sarà nel lungomare di Lido di Dante (piazzale Mastin Vecchio-Viale Matelda), dove la musica e i microfoni di Radio Bruno coordineranno le varie attività in collaborazione con i ragazzi di Camelot. Nel piazzale sarà allestita l’esposizione curata da Classe Archeologia e Cultura “Tra Fiumi, Valli e pinete”. Una raccolta di immagini e documenti storici, che mostra, tra l’altro, com’era il paesaggio attraversato dalla discesa: la diversione dei fiumi Ronco e Montone, le chiaviche per la derivazione delle acque, le opere di bonifica, la risicoltura e le chiuse di S. Bartolo e Fiumi Uniti. Nello stesso scenario del lungomare alle 14.30 Vittorio Bonetti, Eliseo Dalla Vecchia e Rudy Gatta saranno protagonisti di “Fiumana” un recital musicale tra storia e poesia, un modo piacevole e divertente che fa comunque riflettere sulle nostre tradizioni e sul rapporto che la nostra gente ha sempre avuto con l’acqua.

Tradizione e acqua saranno anche gli ingredienti di sabato 19 maggio, la giornata che ci prepara alla discesa. I canali di Ravenna e il suo ‘naviglio’ principale, “la Lama”, saranno i protagonisti delle due escursioni in bici e a piedi. Il percorso bike partirà significativamente alle ore 9 dalla Biblioteca Classense con la visita guidata di “Mulini a Ravenna dall’età Veneziana al XIX secolo” . La camminata per gli sportivi partirà dalla Chiusa San Marco alle 9.30 e raggiungerà dopo 10 km la Darsena Pop Up costeggiando tutto l’argine della Lama. Per le famiglie il luogo di ritrovo sarà Kirecò (tappa ristoro per la lunga) dove alle 10.30 partirà la passeggiata di 4 km. Dulcis in fundo la tradizione per antonomasia, gastronomica, linguistica e culturale in genere si potrà assaporare in “Capanni Aperti”, l’iniziativa promossa da Co.Fu.Se che ristorerà a pranzo e a cena tutti gli amici della discesa dei Fiumi Uniti. Alla rinomata ospitalità dei capannisti e alle prelibatezze culinarie quest’anno si aggiungerà un nuovo motivo di richiamo: nei nove capanni che aderiscono all’iniziativa potremo ascoltare i poeti Nevio Spadoni e Mirta Contessi, Gianluigi Tartaul voce e chitarra di Bandeandre, il cantautore Valentino Bettini, le zirudelle di Villanova di Daniele Morelli, i sonetti di Raoul Lolli, la fisarmonica di Ivan Corbari e gli attori Marco Grilli e Vitaliana Pantini, quest’ultima accompagnata dalla chitarra di Susy Bezzi.

18-05-15 Da Chiusa San MArco-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Picchiato mentre passeggiava a Rimini: presi gli aggressori

  • Sport

    Volley, riparte la stagione della Consar: assenti i big

  • Politica

    Il consigliere regionale Rontini: "Sbagliato invitare Marescotti alla Festa Pd"

  • Cronaca

    "Campione ci mancherai": Russi ha salutato il piccolo Daniele

I più letti della settimana

  • Addio a Daniele, aveva solo 13 anni. "Amava il calcio"

  • Il Virus West Nile colpisce anche nel Ravennate: muore una donna

  • Sciagura di Ferragosto: schianto fatale contro un albero, muore un 18enne

  • Milano Marittima, tragica passeggiata per un piccolo cane: azzannato e ucciso da due "bull"

  • Ferragosto 2018: party, concerti e sagre dalla spiaggia alla collina

  • Maltempo di Ferragosto, nubifragio colpisce i lidi nord: pino crolla su auto in sosta

Torna su
RavennaToday è in caricamento