Il Ravenna capitola al Benelli: al Sudtirol basta il primo tempo

Al 45' il raddoppio: Morosini imbecca dalla bandierina di destra Mazzocchi, pronto a sfoderare una rovesciata da applausi: palla che carambola sul palo e finisce in gol per lo 0-2

Dopo la vittoria di lunedì scorso contro il Rimini, il Ravenna capitola al Benelli contro il Sudtirol per 2-0. Le reti tutte nel primo tempo. Sfida che prende troppo presto l’autostrada del Brennero. Minuto 9: pregevole azione manovrata ospite, palla sulla destra in area per Casiraghi, agganciato da Purro, l'arbitro assegna il calcio di rigore. Dagli undici metri potente conclusione angolata di Morosini, palla in rete alla destra di Cincilla, che intuisce ma non ci arriva. Al 45' il raddoppio: Morosini imbecca dalla bandierina di destra Mazzocchi, pronto a sfoderare una rovesciata da applausi: palla che carambola sul palo e finisce in gol per lo 0-2. Per gli ospiti una gara giocata con grande intensità dall’inizio alla fine, con il pressochè costante possesso di palla (ben oltre il 60%) e senza mai rischiare. 

"Siamo partiti bene, poi il rigore ha cambiato i piani - esordisce mister Luciano Foschi -. Abbiamo cercato di riaprirla, creando anche un’occasione per il pareggio, e nel corner successivo abbiamo preso il secondo gol, peraltro un po’ fortunoso, che ci ha tagliato le gambe. Il Sudtirol ha meritato di vincere, ma noi nel secondo tempo potevamo essere un po’ più aggressivi, ma quando giochi contro squadre che non te la danno questa possibilità diventa tutto più difficile. Quest’anno purtroppo commettiamo delle ingenuità che paghiamo a caro prezzo".

La partita

Prima emozione al 7’ con Nocciolini che trova Selleri sui 20 metri, ma il sinistro del capitano è di poco alto. Passano solo 2 minuti e Casiraghi si inserisce in area sfida Purro e cade, per l’arbitro è rigore. Si presenta sul dischetto Morosini, Cincilla sfiora, ma non riesce ad evitare il vantaggio ospite. Sudtirol che amministra la partita forte della tranquillità data dal vantaggio e chiude con attenzione ogni iniziativa giallorossa per poi portarsi con pericolosità sulle fasce. Sussulto giallorosso al 43’ con D’Eramo che mette un velenoso pallone in mezzo sul quale la conclusione rimpallata di Nocciolini sorvola la traversa. Riparte il Sudtirol ed all’ultimo respiro trova la mazzata che stende il Ravenna, corner di Morosini, Mazzocchi si inventa una mezza rovesciata che bacia il palo e si insacca.

All’intervallo Foschi sceglie Raffini e Fiorani per cercare quel qualcosa che possa riaprire la gara, ma l’occasione capita sui piedi Tait che al 9’ su un batti e ribatti in area si trova il pallone a due passi dalla riga, ma grazia il Ravenna appoggiando fuori. Due minuti dopo Nigretti trova Giovinco in area, ma il suo diagonale è fuori dallo specchio. La ripresa segue la falsa riga del primo tempo con la manovra del Ravenna che stenta a trovare sbocchi e gli ospiti in controllo. Quasi dal nulla al 25’ un cross lungo di D’Eramo colpisce la parte alta della traversa. Occasione Sudtirol al minuto 32’ con Rover che impensierisce con un diagonale Cincilla che si rifugia in angolo. Allo scadere altra occasione sui piedi di Tait trovato libero sul secondo palo negli sviluppi di un calcio di punizione, di nuovo Cincilla chiude la porta. Non ci sono altre emozioni, Ravenna che non riesce a dare continuità ai risultati delle ultime gare e da lunedì si concentrerà per un altro scontro diretto nel derby contro il Modena.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento