Serie D, ko con punteggio tennistico per l'Alfonsine

Alfonsine che scende in campo al Brigata Cremona ancora priva di Grieco, i fratelli Sarto, Tavolieri e Hysa, e con un Alessandrini in panchina perché non al meglio; in compenso compare Savelli, che sta iniziando a riprendere la propria forma dopo un infortunio estivo.

Il calcio è anche questo. Il passo dall’Eccellenza alla Serie D è enorme, e questo non deve spaventare, si sa; allo stesso modo non è saggio confrontare i risultati ottenuti lo scorso anno con quelli delle prime giornate di questa stagione. E se all’inizio il match dà l’impressione di essere abbastanza equilibrato, le due reti subite hanno un effetto ovviamente negativo per i biancazzurri. Il talentuoso Triglia però non si ferma nemmeno nei minuti di recupero, segnando la sesta rete (e la sua terza personale), e nemmeno i suoi compagni prima di lui: tenta anche Perego di entrare nella lista dei marcatori, ma riesce solo a dare l’impressione di aver segnato.

Quando si è in svantaggio di più reti, esistono giocatori che sanno tirar fuori il carattere e dare anche di più: l’esempio massimo di oggi è Filippo Bertoni (diventato capitano dopo l’uscita di Federico Innocenti), che morde come non mai in difesa e si avventura più volte sulla fascia sinistra cercando di spingere; anche Giacomoni non si tira affatto indietro, si rimbocca le maniche, e arriva anche a crossare trovando Riccardo Innocenti, ma l’esperto attaccante oggi non ha proprio fortuna. Il ’98 Derjai cerca di attaccare e difendere a tutto campo, fino a che ce la fa, Carroli dice no a Perego. Anche un altro dei “senatori”, ovvero l’alfonsinese Ricci Maccarini, non conosce tregua, e lo ha dimostrato anche in questa occasione. 

La cronaca - Alfonsine che scende in campo al Brigata Cremona ancora priva di Grieco, i fratelli Sarto, Tavolieri e Hysa, e con un Alessandrini in panchina perché non al meglio; in compenso compare Savelli, che sta iniziando a riprendere la propria forma dopo un infortunio estivo. Non c’è molto da attendere per le prime emozioni: al 15’ Ndiour frana a terra in area, l’arbitro assegna il rigore, e Triglia trasforma spiazzando Carroli. Dopo una punizione di Federico Innocenti che non trova la porta, al 27’ Venturi ci prova dalla media distanza, ma nemmeno lui ha fortuna. Al 32’ rapida azione del Breno che mette Merkaj in buona posizione, e da un suo tiro da fuori arriva la seconda rete.

Al 37’ Triglia impegna Carroli alla respinta di piede, recupera il pallone Merkaj e mette sul secondo palo, dove Ndiour lo appoggia in rete. Al 39’ punizione di Federico Innocenti da destra, incorna Derjai, ma palla fuori; azione identica un minuto dopo, testa di Bertoni, ma Botti riesce istintivamente ad opporsi al tiro. Al 44’ Triglia entra in area, Carroli esce, il giocatore cade, e per l’arbitro è massima punizione: Melchiori dal dischetto, questa volta il portiere biancazzurro intuisce, ma il rigore è ben calciato ed entra in rete. Risultato parziale di 0-4. Seconda frazione. Al 48’ palla a Saporetti in mezzo, colpo di testa, respinge Botti, l’azione prosegue, c’è uno scontro tra il giovane portiere e Giacomoni, e per l’arbitro è rigore; Riccardo Innocenti (appena entrato) va sul dischetto, ma il suo rasoterra sfiora il palo esterno.

L’Alfonsine non si ferma: al 62’ cross di Ricci Maccarini per Saporetti, colpo di testa, ma nulla di fatto. E al 65’ arriva un’altra rete del Breno, con Merkaj che mette in mezzo per Triglia, il quale appoggia con facilità. Il team ospite non è ancora sazio, tuttavia: all’81’ Perego colpisce l’esterno della rete, dando l’illusione del gol. All’83’ è Giacomoni a crossare in mezzo per Riccardo Innocenti, il quale si china e colpisce di testa, ma Botti è bravo a bloccare il pallone in distensione. Al 93’ Perego spara in porta da fuori, Carroli respinge di piede, ma nel proseguo dell’azione arriva anche la terza rete di Triglia, questa volta di testa. Resta solo il tempo per esultare, e l’arbitro pone fine alle ostilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Raffinati ed eleganti: ecco i ristoranti più romantici di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento