Lotta greco-romana, Piccinini di nuovo campione mondiale ai master in Russia

L’incredibile longevità sportiva di Domenico Piccinini, ai vertici della lotta greco-romana dall’età di 11 anni a quella attuale di 54, lo ha portato a vincere anche i Campionati Mondiali Master 2018

L’incredibile longevità sportiva di Domenico Piccinini, ai vertici della lotta greco-romana dall’età di 11 anni (Giochi della Gioventù) a quella attuale di 54, lo ha portato a vincere, in Russia, anche i Campionati Mondiali Master 2018, 20esima edizione, in cui ha gareggiato nella categoria kg 70 classe D (50-55 anni). La competizione si è svolta dal 5 all’8 ottobre 2018 a Perm', capoluogo del rajon Permskij, sul piede occidentale degli Urali centrali, nell’ Universal Sports Palace Molot, per l’occasione gremito dal pubblico delle grandi occasioni.

Non è stata un’impresa facile, innanzitutto a causa delle modifiche apportate al regolamento di gara che non si addicono alle sue caratteristiche atletiche, tra cui soprattutto la netta riduzione dei due tempi d’incontro da tre minuti a due. Soprattutto ostici sono stati i due incontri finali, vinti sul filo di lana. Nella semifinale il temibilissimo russo Alexander Smirnov, vecchia conoscenza, presentatosi preparatissimo a questa rassegna essendo atleta di casa è stato battuto dopo un match combattutissimo, solo per 1-0, in virtù di una passività addebitatagli. Altrettanto incerta e dura è stata la finale contro lo statunitense Stephan Horton, nella quale Piccinini, dopo aver pareggiato nel secondo tempo lo 0-3 subito nel primo, ha meritato il titolo iridato a norma di regolamento, avendo conquistato l’ultimo punto assegnato.

Fra gli altri atleti italiani si segnalano le medaglia d’argento del bolognese Stefano Raspadori nella cat. Kg 78 classe E (55-60 anni) e del ternano Jonathan Molfino nella cat. kg 78 classe C (45-50 anni). Nell’esperienza dei campionati mondiali master, avviata nel 2009, Piccinini ha vinto quattro medaglie d’oro, le prime due a Belgrado nel 2014 e ad Atene nel 2015, la terza l’anno scorso a Plovdiv in Bulgaria, salendo sempre sul podio nelle restanti edizioni. Ex azzurro della nazionale italiana dal 1980, è sportivamente cresciuto, fin dal remoto 1976, nel sodalizio della Portuali di Ravenna, che tuttora gli consente di continuare ad allenarsi per il meglio e al quale dedica con riconoscenza anche questa vittoria, con un pensiero particolare agli amici Brando Savini e Stefano Pagliarini per la collaborazione profusa nella fondamentale fase di preparazione delle varie competizioni e alla consorte Monica Berretti, in veste di assistente tecnico in sede di gara. Dal 1992 al 1997, ha militato nel Centro Sportivo del Corpo Forestale dello Stato, a Roma. Attualmente presta servizio nel Gruppo Carabinieri Forestali di Ravenna.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Castiglione, c'è un nome per l'assassino di Desiante: "Ha agito da solo, lasciando Rocco in agonia"

  • Cronaca

    Si toglie la vita in pineta, gli amici increduli: "Sembrava così felice, stava per laurearsi"

  • Cronaca

    Ancora un tetro ritrovamento: nelle valli spunta un cadavere, sarebbe morto da mesi

  • Cronaca

    Immigrazione, Ravenna quinta provincia in regione per numero di stranieri

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto nella notte: muore con la moto ad appena 17 anni

  • Macabra scoperta: trovato in pineta il cadavere del giovane scomparso

  • Dopo dieci anni la meravigliosa nave "Amerigo Vespucci" torna a Ravenna

  • Giovane scomparso da casa, ricerche anche in Pineta. Il padre: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Sciagura in autostrada per un furgone con tre ravennati: in due muoiono carbonizzati

  • Tragedia sulle strade: schianto fatale col furgone, muore in sella alla sua bici

Torna su
RavennaToday è in caricamento