Superbike, in Qatar il gran finale: Melandri arbitro della disputa tra Sykes e Guintoli?

A Losail, pista che torna in calendario dopo quattro anni, Tom Sykes e Sylvain Guintoli si giocheranno il titolo: tra il campione del mondo in carica della Kawasaki e il francese dell'Aprilia ci sono 12 punti

Si potrebbe prendere spunto dalla stagione Superbike che si sta concludendo per un'ottima sceneggiatura: grande spettacolo, continui colpi di scena ed un gran finale aperto, come nei migliori film d'azione. A Losail, pista che torna in calendario dopo quattro anni, Tom Sykes e Sylvain Guintoli si giocheranno il titolo: tra il campione del mondo in carica della Kawasaki e il francese dell'Aprilia ci sono 12 punti. Sul fronte Costruttori, Aprilia deve amministrare 23 punti di vantaggio sulla casa nipponica.

Arbitro della disputa potrebbe essere un Marco Melandri in grande crescita. Reduce da 4 vittorie nelle ultime sei gare, il ravennate si trova ora al terzo posto tra i piloti, con un buon margine sul primo inseguitore. Anche per il pilota di Ravenna c'è la concreta possibilità di concludere degnamente la sua stagione. "Sono molto contento di correre in Qatar e di notte - evidenzia il ravennate -. É un posto che mi piace tantissimo così come la pista, e sono certo che la mia RSV4 si adatterà benissimo. Ho voglia di continuare la mia striscia positiva di risultati e di aiutare Aprilia a conquistare il Mondiale Costruttori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Lorenzo, morto annegato nel canale di Milano Marittima: studiava per diventare chef

  • Tragedia sulle strade: 17enne precipita nel canale e perde la vita

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Fitta nebbia, scontro tra camion sulla Statale Romea Dir: lunghe code, arteria bloccata

  • Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento