Rally, si chiude un ciclo che ha fatto sognare: conclusa l'"epopea" della Ford Mustang Gt

Si chiude quindi un ciclo durato ben dodici anni,iniziato con l'allora Coppa Gt di Aci/Csai e proseguito con l'impegno all'estero in Mitropa Cup e Alpe Adria

Con il ritiro dopo la prima prova speciale al rally ronde Monte Caio per rottura della sospensione anteriore destra, si è conclusa l'"epopea" rallystica della Ford Mustang Gt della scuderia faentina Top Driver; infatti a fine anno scadrà l'omologazione nel gruppo FGT della vettura americana e la riomologazione con relativa revisione del mezzo nel nuovo gruppo RGT risulterebbe troppo onerosa,visto che si parla di un impegno economico valutato in alcune decine di migliaia di euro.

Si chiude quindi un ciclo durato ben dodici anni,iniziato con l'allora Coppa Gt di Aci/Csai e proseguito con l'impegno all'estero in Mitropa Cup e Alpe Adria: tanti anni ricchi di soddisfazioni e di puro divertimento sportivo, portati avanti dal pilota manfredo Ruggero Ravaglioli grazie al sostegno di tanti sponsor e di Roberto Bubani, che mise a suo tempo a disposizione la vettura, gestita e preparata in loco senza alcun supporto ufficiale. Il Mustang non sarà completamente pensionato, ma verrà impiegato per corsi di guida sicura e per esposizioni e fiere. Per quanto riguarda l'attività agonistica 2020 di Top Driver, la situazione attualmente risulta alquanto nebulosa e non del tutto serena, pur essendo allo studio varie opzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento