Scherma, cinque lughesi qualificati ai campionati nazionali

Oltre ai risultati strettamente agonistici, un altro importante riconoscimento è arrivato nella stessa giornata per la scherma lughese

Giornata molto positiva quella di domenica per i colori della scherma lughese. A San Lazzaro di Savena si è infatti svolta la prima gara regionale di spada, con in palio la qualificazione alla prima prova del campionato nazionale in programma a Bastia Umbra alla fine di ottobre.

Sono tre gli atleti lughesi ad avere ottenuto a San Lazzaro l'ambito pass: si tratta di Guido Pirazzini e Matteo Tellarini tra gli uomini e di Sara Billi tra le donne. Ad essi si aggiungono Simone Greco e Isabella Signani, qualificati di diritto in virtù dei risultati ottenuti nella scorsa stagione. Saranno dunque ben cinque gli schermidori e le schermitrici lughesi che parteciperanno al campionato nazionale di spada: un risultato certamente lusinghiero per la società.

Oltre ai risultati strettamente agonistici, un altro importante riconoscimento è arrivato nella stessa giornata per la scherma lughese: il comitato regionale emiliano-romagnolo della Federazione Italiana Scherma ha infatti conferito ai maestri Fulvio Barcucci e Guido Marzari il premio "Una vita per lo Sport" in virtù della loro lunga e titolata carriera; un'ulteriore motivo di soddisfazione per la società, orgogliosa di potersi avvalere della loro esperienza, professionalità e dedizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento