Serie B calcio a 5, il Faventia vuole chiudere i Conti

Non sono mancate anche alcune frecciatine lanciate dall’estremo difensore del Faventia Matteo Conti che ha ricordato tra le altre cose la rocambolesca partita d’andata terminata 8-10 in favore dei veneti

"Sarà una partita a se stante, che va oltre il campionato e le posizioni di classifica". La vigilia di Carrè Chiuppano-Faventia, match clou della 20esima giornata di Serie B Nazionale, è anche ironico (e forse retorico) distacco che emerge dalle parole di Simone Bottacini, l’allenatore del Faventia che sabato con la sua squadra avrà la possibilità di ostacolare l’avanzata della capolista e riaprire le sorti del campionato.

Alla partitissima, che si terrà nella Palestra Intercomunale di Carrè (Vicenza) con inizio alle 15,30, non prenderà parte il regista dei veneti Thiago Resner, infortunatosi sabato scorso nel corso del derby che ha visto trionfare il Vicenza sul Chiuppano per 6-5. Nonostante l’assenza illustre però, mister Ferraro avrà comunque a disposizione una vasta scelta di giocatori stellari come il portiere Josic, Carlos Quinellato e Pedrinho (69 gol in due finora, ndr), Francesco Buonanno e il capitano Andrea Rossi che in settimana ha evidenziato l’importanza di non sbagliare la partita nell’ottica di vincere il campionato.

Bottacini invece, per la prima volta dopo tanto tempo, potrà finalmente contare su tutti gli elementi del proprio roster compreso l’ultimo arrivato Santiago Blankleider, reduce dall’esordio con gol nel complessivo 6-3 rifilato dal Faventia al Mezzolombardo sabato scorso: “Ho visto la mia squadra in ripresa nell’ultima partita – ha commentato l’allentatore dei manfredi – soprattutto psicologicamente e sono convinto che riusciremo assolutamente a fare una buona gara contro Carrè Chiuppano. Blankleider è solo una freccia nell’arco, come può esserlo Garbin, Caria, Barbieri o Conti di cui voglio lodare l’atteggiamento nel corso dell’ultima gara”.

Non sono mancate anche alcune frecciatine lanciate dall’estremo difensore del Faventia Matteo Conti che ha ricordato tra le altre cose la rocambolesca partita d’andata terminata 8-10 in favore dei veneti: “Continuo a pensare che loro siano superiori a noi e credo anche che sarà una partita molto fisica. All’andata siamo stati sconfitti ma a pochi minuti dalla fine non fu fischiato un tiro libero sacrosanto in nostro favore. Noi come sempre faremo del nostro meglio e proveremo a vincere.”