"A spasso con Dante", la Valli e Pinete nel circuito dedicato al Sommo Poeta

L'evento coinvolgerà le quattro città che hanno maggiormente condiviso la vita del Sommo Poeta: Firenze, Forlì, Ravenna e Verona

E' stata presentata a Verona, città in cui quest’anno si svolgerà la 600° edizione del Palio del Drappo Verde, la corsa più antica di cui si abbia notizia, citata da Dante Alighieri nel V Canto dell’Inferno, la terza edizione di “A spasso con Dante”, il circuito di corse che mette in rete le città del Sommo Poeta, promosso da Trail Romagna e Atletica Mameli. L’evento coinvolgerà le quattro città che hanno maggiormente condiviso la vita del Sommo Poeta: Firenze, Forlì, Ravenna e Verona. A fare gli onori di casa è stato l’assessore allo Sport Alberto Bozza che ha ringraziato gli organizzatori di questo prestigioso circuito che riesce ad unire sport, grande cultura, storia, turismo e solidarietà.

In rappresentanza del sindaco e dell’assessore allo sport del Comune di Ravenna è intervenuto il consigliere del Partito Repubblicano Chiara Francesconi, presidente della Commissione istruzione, università, sport e grandi eventi. Francesconi ha sottolineato l’impegno e l’attenzione che Ravenna sta dedicando ai progetti che coniugano cultura e turismo dedicati al Sommo poeta che nella città ha vissuto ed è morto. “Preparandoci fin da ora al 2021, VII centenario della morte di Dante, poniamo chiaramente grande attenzione a ciò che di virtuoso già esiste sul nostro territorio - ha evidenizato -. La manifestazione sportiva del circuito “Valli e Pinete”, che da 43 anni si svolge a Ravenna e che nel 2017 è prevista il 12 marzo, senza alcun dubbio ne è uno degli esempi fra i più significativi".

"Le differenti corse previste che toccano ambienti unici richiamati e vissuti dal Poeta, le passeggiate nel centro della città su percorsi danteschi che attraversano alcuni dei nostri monumenti Unesco hanno, infatti, già dimostrato nelle scorse edizioni di sapere coniugare una delle “domande turistiche” più in crescita ed emergenti di questo ultimo periodo, quella del turismo che coniuga lo sport e il movimento all’ambiente, al patrimonio del territorio e non di meno alle buone pratiche, dal momento che ogni manifestazione del circuito dedica parte del ricavato ad un progetto di solidarietà o di prevenzione sulla salute - ja aggiunto -. L’importanza turistica di tali eventi”, ha ribadito infine Chiara Francesconi “non risiede tanto nella ricerca di grandi flussi e numeri quanto piuttosto di partecipanti da fidelizzare che diventino a loro volta promotori delle bellezze ambientali e delle specificità culturali delle città in cui il Sommo Poeta visse, e nel caso di Ravenna, morì”.              

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

  • Qualità della vita, criminalità altissima a Ravenna: peggio di lei solo Milano, Rimini e Trieste

Torna su
RavennaToday è in caricamento