Superbike, Gara 1 Buriram: Bautista-Rea regalano scintille. Melandri solo 6°

Il portacolori della Yamaha del team Grt, scattato dalla terza fila, ha chiuso ad oltre 18 secondi dal vincitore Alvaro Bautista

Marco Melandri chiude Gara del Gran Premio di Thailandia con un sesto posto che lascia l'amaro in bocca al ravennate. "E' stato difficile - confessa l'ex iridato della 250cc -. Non sono partito bene, inizialmente sono riuscito a tornare e recuperare posizioni, ma poi ho sofferto molto con il problema della stabilità sui rettilinei. Significava che non potevo sedermi sul sedile, ma invece dovevo mantenere il peso sui poggiapiedi tutto il tempo, quindi non c'era alcuna possibilità di respirare sui rettilinei come al solito. Abbiamo fatto un cambio di set-up per rendere la moto un po’ più stabile, ma il compromesso è stato che abbiamo perso aderenza posteriore, quindi ho dovuto cercare di guadagnare tempo in frenata e mantenendo una maggiore velocità d'angolo, ma la trazione è caduta dopo 10 giri".Il portacolori della Yamaha del team Grt, scattato dalla terza fila, ha chiuso ad oltre 18 secondi dal vincitore Alvaro Bautista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo spagnolo della Ducati del team Aruba è l'unico al momento che riesce a far volare la Panigale V4R. L'ex MotoGp è stato protagonista di un duello particolarmente duro con Jonathan Rea. C'è stato anche un contatto, con il numero 19 che ha rischiato di finira a terra. Per circa due terzi di gara il "Cannibale" ha cercato di tenere testa alla rossa, ma poi si è dovuto arrendere alla supremazia del binomio rosso-spagnolo. Bautista e Rea hanno fatto il vuoto. Alex Lowes ha portato la Yamaha sul podio, ma ad oltre 14 secondi. L'inglese ha preceduto il compagno di squadra Michael Van Der Mark e la Kawasaki di Leon Haslam. Settimo posto per Sandro Cortese davanti alla Ducati del team Barni di Michael Ruben Rinaldi. Mastica amaro Chaz Davies, solo quindicesimo dopo una scivolata. Domenica alle 7 ore italiane ci sarà la gara sprint di soli dieci giri, mentre alle 10 Gara 2.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

Torna su
RavennaToday è in caricamento