Superbike in Argentina, Rea fa dieci di fila. Melandri: "Un podio per chi ama lo sport"

. "Sono dispiaciuto - commenta il ravennate -. Ho fatto una gara molto bella, ma potevo fare di più. Ho perso l'anteriore alla curva 7 e sono finito molto indietro"

Infilare dieci vittorie di fila è un qualcosa da marziani. Ci è riuscito Jonathan Rea, che ha sbancato anche l'appuntamento argentino con una schiacciante doppietta, aggiornando il numero di successi nel campionato delle derivate di serie a settanta. Sono numeri impressionanti quelli che sta scrivendo il portacolori della Kawasaki, sempre più affamato nonostante il quarto titolo già in tasca. Scattato dalla terza fila, il"Cannibale" è stato protagonista di una rocambolesca rimonta, fatta di qualche errore forse di foga. Alla fine ha regolato il plotone, precedendo Xavi Fores (Ducati Barni), che si è portato a casa il titolo dei team indipendenti.

Sul podio anche Marco Melandri, risalito dopo un grave errore. "Sono dispiaciuto - commenta il ravennate -. Ho fatto una gara molto bella, ma potevo fare di più. Ho perso l'anteriore alla curva 7 e sono finito molto indietro. Ho fatto fatica a rimontare, poi ho provato a riprendere Fores, ma non ce l'ho fatta". Quindi la stoccata: "Vedere sul podio due piloti che non hanno una moto deve fare riflettere. Decido questo risultato a chi ama lo sport". Quarto posto per Chaz Davies (Ducati) davanti a Tom Sykes, Alex Lowes (Yamaha), Topak Razgatlioglu e Lorenzo Savadori (Aprilia Milwaukee). Tra due settimane si corre l'ultimo round in Qatar, sul tracciato di Losail. In Supersport Federico Caricasulo è uscito subito di scena. La vittoria è andata a Jules Cluzel davanti a Sandro Cortese e Lucas Mahias.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento