Superbike, qualifiche Aragon. Svetta Laverty, Melandri ok: 4°

Non sarà al 100% della condizioni fisica, ma quello che si è presentato ad Aragon è un Marco Melandri pronto a spalancare "il gas a manetta"

Non sarà al 100% della condizioni fisica, ma quello che si è presentato ad Aragon è un Marco Melandri pronto a spalancare "il gas a manetta". Il ravennate della Bmw ha infatti chiuso il primo turno di qualifiche del secondo round del mondiale Superbike al quarto posto a 396 millesimi dal miglior tempo stampato sul finale di sessione dall'Aprilia di Eugene Laverty in 1'58"548. L'irlandese si conferma in splendida forma dopo il successo in Gara 2 a Phillip Island.

Alle spalle della RSV4 numero 58 si è piazzata la Bmw di Chaz Davies, a 104 millesimi. Terza la Kawasaki di Tom Sykes, a poco più di tre decimi dalla virtuale pole position. Detto di Melandri, che ha lavorato sul passo gara, il quinto tempo è stato ottenuto dalla Honda di Jonathan Rea, che a sua volta ha preceduto l'altra Aprilia ufficiale di Sylvain Guintoli. Completano le prime dieci posizioni le Suzuki di Leon Camier e Jules Cruzel, la Kawasaki di Loris Baz e l'Aprilia del team Althea di Davide Giugliano.

Male le Ducati, che devono fare i conti con le basse velocità di punta. Carlos Checa ha chiuso al dodicesimo posto davanti all'Aprilia del team Red Devils di Michel Fabrizio e alla rossa del comapgno di squadra Ayrton Badovini. Sabato mattina, alle ore 9.30, il secondo ed ultimo turno di qualifiche che decreterà i 15 che entreranno in Superpole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento