Superbike, show di Melandri a Monza: "Il mio campionato parte da qui"

Nel tempio della velocità di Monza Marco Melandri ritrova finalmente il sorriso. Il ravennate della Bmw ha conquistato grazie ad un sorpasso da cardiopalma alla Parabolica Gara 1 del Gran Premio d'Italia

Melandri ha lottato con le Aprilia di Guintoli (50) e Laverty (58)

Nel tempio della velocità di Monza Marco Melandri ritrova finalmente il sorriso. Il ravennate della Bmw ha conquistato grazie ad un sorpasso da cardiopalma alla Parabolica Gara 1 del Gran Premio d'Italia, quarto round del mondiale Superbike, beffando l'Aprilia di Eugene Laverty e la Kawasaki di Tom Sykes. Nella manche pomeridiana, l'ex campione del mondo della 250cc ha cercato il bis, ma si è dovuto arrendere alla super quattro cilindri di Noale dell'ex compagno di squadra in Yamaha.

In entrambe le gare quattro piloti – Laverty, Guintoli, Melandri e Sykes – hanno fatto il vuoto alle loro spalle alternandosi più volte in testa e lottando fino all’ultima curva per la vittoria. Nella prima frazione i due piloti Aprilia, in uno spettacolare arrivo in volata, e dopo aver a lungo condotto la gara, hanno chiuso al terzo (Laverty) e quarto posto (Guintoli), alle spalle di Melandri e Sykes.

La seconda velocissima gara, chiusa a oltre 201 km/h di media, ha visto lo stesso copione col solito quartetto in fuga. I piloti Aprilia sono sempre stati al comando: prima Laverty per sette giri, poi Guintoli nelle successive otto tornate e infine ancora Laverty che ha preso il comando negli ultimi due giri per poi difendersi fino all’ultima e concludere vincitore davanti a Melandri, Sykes e Guintoli.

Grazie ai 45 punti conquistati a Monza, Melandri in un sol colpo è balzato dall'ottavo al quarto posto nella classifica generale del campionato, portandosi a 41 punti dalla vetta, ancora delle mani del francese Sylvain Guintoli che ha lasciato Monza con due quarti posti. Melandri, all'undicesima vittoria nel campionato delle derivate di serie, ha rotto un digiuno che durava dal Gran Premio di Mosca.

“E' stata una giornata incredibile - ammette Melandri -. Dopo così tante difficoltà, partire da Monza con una vittoria ed un secondo posto è fantastico. Il mio campionato comincia da qui". Il ravennate ha poi ripercorso il film della gara: "Al mattino sapevo di aver un buon passo, ma mi aspettavo comunque una corsa difficile. Quando Laverty mi ha passato pensavo che non sarei riuscito a riportarmi davanti, ma alla Parabolica è andata bene. In Gara 2 non ho forzato subito, ma quando ho passato Guintoli ormai Eugene era troppo lontano".

Il morale è finalmente tornato alto: "E' stato un fine settimana fantastico, finalmente ho ritrovato il feeling con la moto che mancava da tempo. E' stata una forte emozione festeggiare con i miei tifosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Cade mentre lavora al porto e si frattura il cranio: operaio in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento