Tra pioggia e vento va in archivio il 40esimo 'Giro della Romagna'

Avis Faenza, Usc Castelbolognese, Asd Pedale Bianconero sono risultate le prime tre società classificate sulla base del numero di partecipanti e dei chilometri complessivamente percorsi

Anche la 40esima edizione del Giro cicloturistico della Romagna, svoltosi a Lugo domenica, così come già le due precedenti edizioni ha dovuto fare i conti con previsioni meteo che già da una settimana indicavano una situazione generalizzata di forte maltempo con precipitazioni nevose anche a bassa quota, accompagnate da forti raffiche di vento. Tutto ciò ha condizionato pesantemente non solo le preiscrizioni dei ciclisti, ma anche la stessa organizzazione della manifestazione: la Cicloturistica Baracca infatti, a fronte di queste previsioni meteo, aveva deciso prima l’annullamento della randonnée e dei due percorsi fuori strada, poi, già dalla prima mattina di sabato, di annullare anche il percorso della Gran Fondo e del Fondo in quanto le previste nevicate sulle cime dei due percorsi, il forte vento e l'abbassamento delle temperature avrebbero potuto mettere a rischio l’incolumità dei ciclisti.

Per questo, seppure a malincuore, il Consiglio Direttivo della Società ha deciso che la sicurezza, che il Circuito Romagnolo ha messo quest’anno tra l’altro al centro delle sue sei Gran Fondo, andava sicuramente messa al primo posto. La situazione meteorologica che nelle prime ore del pomeriggio si è venuta a creare ha dimostrato quanto siano state giuste le decisioni prese, che hanno permesso alla quasi totalità dei ciclisti di concludere i percorsi in piena sicurezza e senza bagnarsi. Nonostante tutto ciò, e seppur lontani dalle presenze a cui il Giro della Romagna era abituato, i partecipanti sono stati oltre mille, tra cui circa 150 donne. Il dato ancor più interessante è rappresentato dalle Società partecipanti, 149, molte delle quali provenienti anche da fuori Regione: tutto ciò sta a dimostrare quanto questa Gran Fondo sia nel cuore dei cicloturisti che, anche con condizioni totalmente avverse e in concomitanza con altre analoghe manifestazioni, non vogliono mancare questo appuntamento.

Avis Faenza, Usc Castelbolognese, Asd Pedale Bianconero sono risultate le prime tre società classificate sulla base del numero di partecipanti e dei chilometri complessivamente percorsi, a cui è andata come premio una bicicletta. Oltre a esse sono poi state premiate altre trentadue società, oltre ai due Memorial “Delio Costa” e “Franco Argelli” andati entrambi all’Avis Faenza. E’ poi stato assegnato a sorteggio tra tutti le società il “Premio del Quarantennale del Giro della Romagna”, offerto da Enoteca Cevico, che è andato alla Gsc Massese.

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Comprare una casa all'asta: come si fa?

I più letti della settimana

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Chiusi i 'campi-parcheggio' a Lido di Classe: ed è subito strage di multe

  • Colto da malore in auto col figlioletto: cittadini e Polizia locale evitano il disastro

  • Rischia di annegare mentre fa il bagno: salvato dai bagnini, è in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento