Volley, arrivano gli ex Orduna, Buchegger e Sol: ma la Consar non cede alle emozioni

Nella partita dei tanti ex in campo, la Consar Ravenna non potrà soffermarsi troppo sulle questioni affettive e sentimentali

Nella partita dei tanti ex in campo, con Orduna, Buchegger e coach Soli che tornano a Ravenna per la prima volta da ex, ma anche con Verhees (che in Brianza ha militato due stagioni) ed Elia che con Monza ha vinto ha conquistato la promozione in SuperLega, la Consar Ravenna non potrà soffermarsi troppo sulle questioni affettive e sentimentali. La Challenge Cup conquistata lo scorso marzo grazie anche al terzetto oggi in Brianza è un risultato di assoluto spessore e un motivo di orgoglio che accompagnerà per sempre il cammino del club ravennate ma la realtà del campo prevale e dice che c’è un cammino verso la vittoria da riprendere e c’è l’esigenza di chiudere al meglio il difficile percorso assegnato dal calendario che ha chiamato Saitta e compagni a giocare nelle ultime sette partite con tutte le prime cinque della classifica.

Il match col Vero Volley Monza (sabato sera, al Pala De Andrè, alle ore 20.30 in uno dei due anticipi della 17esima giornata), oggi settima forza della SuperLega, rappresenta dunque uno spartiacque tra il ciclo di ferro a cui la Consar si è sottoposta e la serie di scontri diretti consecutivi e ravvicinati che la attende da domenica prossima con la trasferta di Vibo. Ma coach Graziosi pensa al presente e a una gara per volta. “Sì, questa è l’ultima di una serie di gare molto importanti proposte dal calendario – osserva il coach della Consar – ma ce la giochiamo in casa, dove sappiamo esprimerci al massimo delle nostre potenzialità. Ce la possiamo giocare con meno pressione, sapendo che Monza, per l’organico che ha, è favorita, però questo non vuol dire che siamo rassegnati, anzi. La classifica è ancora sotto controllo ma non dobbiamo perdere l’occasione di fare punti pesanti in partite di questo tipo perché comunque ci aspetta un prosieguo di ritorno tosto con molti scontri diretti fuori casa”.

Il Vero Volley, che nel 2019 non ha ancora giocato avendo rinviato al 6 febbraio il suo match con Vibo Valentia previsto per l’Epifania, inizia da Ravenna un tour de force che la vedrà poi in campo anche in Challenge Cup, dove è ad un passo dalla qualificazione ai quarti, e in Coppa Italia. “Monza ha due battitori molto forti e all’andata nel primo set ci misero in grande difficoltà col servizio – ricorda Graziosi – che è sicuramente una delle loro armi migliori. Dovremo stare attenti a questo, ma al di là degli aspetti tecnici, questa è una gara particolare; ci sono ex così importanti che avranno voglia di fare bella figura e c’è una grossa leadership nel loro gruppo per cui mi aspetto una gara tosta dal punto di vista agonistico. Dobbiamo essere sempre presenti, mai mollare un attimo e stare in gara fino alla fine, consapevoli che fare punti in un match come questo avrebbe un valore doppio”.

Per questa partita coach Graziosi ritrova Rychlicki, che ha onorato la convocazione con la nazionale del Lussemburgo giocando le ultime due partite del girone di qualificazione agli Europei del 2019 (15 punti messi a segno sia in Azerbaigian che contro la Grecia) e avrà, dunque, il roster al completo. Sponsor di questo match sarà Bper Banca, istituto legato al Porto RoburCosta da tanti anni di collaborazione. A dirigere questa partita sono stati designati Frapiccini di Falconara (alla 49esima direzione di gara in A1 e SuperLega, la prima stagionale con la Consar) e Braico di Torino (112 presenze nel massimo campionato).

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Comprare una casa all'asta: come si fa?

I più letti della settimana

  • Sciagura a Mirabilandia: bambino di 4 anni muore annegato nel parco divertimenti

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • Paura al parco divertimenti: bambino rischia di annegare, è gravissimo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Rischia di annegare mentre fa il bagno: salvato dai bagnini, è in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento