Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

200 tele romagnole raffiguranti Dante: il dono della cooperativa agli stabilimenti balneari

Il sindaco: "Queste splendide tele rappresentano allo stesso tempo un benvenuto ai turisti, nel segno di Dante, e un augurio agli operatori dei nostri stabilimenti"

Lunedì mattina la Cooperativa Spiagge Ravenna ha annunciato la distribuzione di 200 tele romagnole stampate a mano raffiguranti il Sommo Poeta a tutti gli stabilimenti balneari. La preziosa stampa a mano con il caratteristico color ruggine su tela naturale è una tradizione che in Romagna si perde nella notte dei tempi. Nella storica Bottega di Gambettola, la Stamperia Pascucci tramanda dal 1826 saperi e tecniche: la famiglia Pascucci è la più antica testimone di quest'arte; da sette generazioni custodisce e rinnova questo artigianato tipico romagnolo nel rispetto della tradizione. Fra i vecchi stampi incisi a mano su legno di pero, scuri e impolverati, ve ne è uno particolare con l'effige di Dante Alighieri, utilizzato nel 1921 per celebrare il 600mo anniversario della morte. Oggi, nel 700mo anniversario, grazie alla Cooperativa Spiagge Ravenna, al Comune di Ravenna e a 700 Viva Dante Ravenna 1321-2021, riappare quello stampo carico di storia diventando “poesia” rivolta al mare.

"L'iniziativa, oltre alla particolare celebrazione, conferma il legame tra mare e città d'arte, connubio valorizzato in un'ottica di offerta turistica di grande qualità da proporre ai turisti e alla cittadinanza tutta - commenta Maurizio Rustignoli, presidente di Cooperativa Spiagge Ravenna - Quale migliore occasione per ricordare, a noi per primi, l'unicità del nostro territorio, peraltro anche di grande pregio naturale, che sempre di più deve caratterizzare la nostra economia turistica nei prossimi anni un'economia non delocalizzabile, fatta di esperienze uniche, sempre più apprezzata da chi frequenta il nostro territorio. Finalmente parte una stagione balneare all'insegna della sicurezza, con il coinvolgimento massimo dei nostri operatori balneari, impegnati a curare ogni aspetto e sempre pronti a far rispettare le regole imposte, consapevoli che da qui passa quel percorso di uscita da un'emergenza che vogliamo presto lasciarci alle spalle. Un grande aiuto arriverà anche dalla recente decisione di programmare la vaccinazione degli addetti al settore turismo, decisione di grande buonsenso e prospettiva, che farà bene a tutto il comparto e che regalerà ulteriore serenità ai nostri ospiti. Anche i nostri bagnini di salvataggio, che ammontano a un centinaio nelle spiagge del Comune di Ravenna, parteciperanno a questa campagna, aggiungendo alla loro grande professionalità e organizzazione questa ulteriore fondamentale integrazione sanitaria al già puntuale presidio degli specchi d'acqua".

"Queste splendide tele rappresentano allo stesso tempo un benvenuto ai turisti, nel segno di Dante, e un augurio agli operatori dei nostri stabilimenti - commenta il sindaco Michele de Pascale - Vi aspetta tanto lavoro, ma sono certo che la cosa non vi spaventa affatto, anzi. Sono fiducioso che l’estate che è alle porte vedrà il tutto esaurito, perché è indiscutibile che i nostri lidi siano la destinazione migliore per una vacanza al mare. Il litorale ravennate è infatti fra i migliori in Italia per chi cerca una vacanza sicura in termini di rispetto delle regole anticontagio e di distanziamento, grazie all’ampiezza delle spiagge e ai servizi impeccabili e di qualità che vengono offerti. Per non parlare della possibilità di integrare percorsi nel verde e nella città d’arte".

"Iniziative come questa, che si uniscono ai tanti altri progetti sociali e culturali portati avanti dalla Cooperativa Spiagge Ravenna, sono la dimostrazione di quanto sia importante l'identità e la territorialità della gestione delle nostre imprese balneari - conclude il primo cittadino ravennate - che continua ad essere messa a rischio dall'applicazione della direttiva europea Bolkestein a cui il Comune di Ravenna, la Regione Emilia-Romagna e le altre istituzioni locali si oppongono fortemente per difendere la specificità e l'identità delle nostre imprese balneari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

200 tele romagnole raffiguranti Dante: il dono della cooperativa agli stabilimenti balneari

RavennaToday è in caricamento