Educazione all’Europa nelle scuole, al via l’edizione 2019

Primo appuntamento, aperto a cento studenti e al pubblico, con il Capo della Rappresentanza della Commissione europea a Milano

Con un’opportunità di dialogo diretto con la Commissione europea inizia domani, venerdì, alle 11 alla biblioteca Classense, l’edizione 2019 delle iniziative di educazione all’Europa promosse dall’assessorato alle Politiche europee nelle scuole e ricomprese nel Piano dell’offerta formativa. Massimo Gaudina, il Capo della Rappresentanza della Commissione europea a Milano, risponderà alle domande di cento studenti dei licei artistico Nervi – Severini, classico Dante Alighieri, scientifico Oriani e degli istituti tecnici Ginanni e Nullo Baldini. L’iniziativa è aperta al pubblico.

I cento studenti individuati dai cinque istituti proseguiranno poi con approfondimenti in classe, in vista della partecipazione il 16 maggio prossimo alla giornata di simulazione del meccanismo decisionale dell’Unione europea (Parlamento e Consiglio). In quella giornata i ragazzi lavoreranno in commissioni tematiche e in plenaria, proprio come avviene al Parlamento europeo per elaborare proposte normative in vari ambiti.

“L’offerta formativa di quest’anno – spiega l’assessora Ouidad Bakkali – presenta alcune novità, finalizzate a rendere più accattivante e incisivo il percorso. I giovani volontari e volontarie selezionati e formati nell'ambito del progetto EuRoPe, che ci piace definire “ambasciatori della cittadinanza europea”, saranno parte attiva come formatori e facilitatori accanto agli esperti. Inoltre per le superiori abbiamo arricchito la preparazione alla simulazione di Parlamento europeo con nuovi stimoli, per rendere ragazze e ragazzi sempre più attenti, coinvolti e protagonisti”.

Dal 2 marzo prenderanno invece avvio le attività con le classi seconde delle scuole secondarie di primo grado. Nell’anno scolastico in cui il programma prevede un approfondimento sull’Europa circa 35 classi parteciperanno ad un laboratorio-gioco attorno al concetto di Unione Europea. Le scuole che hanno deciso di fare questo percorso formativo ed informativo sono: Don Minzoni, Corrado Viali di Sant’Alberto, Randi, istituto Tavelli, Vittorino da Feltre di San Pietro in Campiano, istituto comprensivo del Mare - plesso Mattei di Marina di Ravenna, San Pier Damiano, istituto comprensivo Romolo Gessi di San Pietro in Vincoli, istituto comprensivo Valgimigli, istituto comprensivo San Biagio, Montanari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Sangue sulle strade: travolto da un'auto muore sul colpo, grave l'automobilista

  • Attimi di terrore nella notte: accoltellato e lasciato esanime in strada

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Sbanda e finisce in un fosso: 32enne in ospedale, è gravissima

Torna su
RavennaToday è in caricamento