L'arte di Tinin Mantegazza ispira la tela "Arcobaleno" per Cervia Città Giardino

La storica stamperia Pascucci ha realizzato l'opera ispirandosi all'ultimo disegno dell'artista recentemente scomparso

Quest’anno Città Giardino ha come tema “l’arcobaleno”, l’esplosione dei colori che rifioriscono dopo l’oscurità della tempesta e che rappresentano un ponte che unisce, simbolo di speranza e di rinascita. Sabato 20 giugno nel Piazzale Napoli a Milano Marittima è stata inaugurata la tela stampata “Arcobaleno”. La tela è stata realizzata da Riccardo Pascucci ispirandosi all’ultimo disegno che Tinin Mantegazza ha espressamente ideato per il tema di Cervia Città Giardino 2020. Le sue dimensioni sono 200 x 250 cm. La stamperia Pascucci sullo stesso disegno ha realizzato anche diverse mascherine artistiche, che ha donato al comune di Cervia. All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Cervia Massimo Medri, il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli, Velia Mantegazza moglie di Tinin e Riccardo Pascucci. Sono intervenuti anche gli amici di Tinin, Ruggero Sintoni produttore teatrale e presidente di Accademia Perduta Romagna Teatri che ne ha ricordato le immense qualità artistiche, e l’attrice Lucia Vasini che gli ha dedicato la poesia di Giorgio Caproni “Congedo del viaggiatore cerimonioso”.

Il sindaco di Cervia Massimo Medri: “È per noi un onore ricevere in dono la tela realizzata dalla stamperia Pascucci, ispirata all’ultimo disegno che Tinin Mantegazza ha ideato appositamente per Cervia città Giardino 2020. Per questo abbiamo deciso di esporla al pubblico a Milano Marittima, tra i fiori di Piazzale Napoli, per renderle maggiormente onore. La bellezza e i valori espressi da quest’opera d’arte, che ritrae un arcobaleno simbolo di amicizia e di speranza, sono i valori che in questi quarantotto anni ha portato avanti la manifestazione “Maggio in Fiore” con le sue relazioni e amicizie. Ringrazio Pascucci per questo dono e il Sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli per aver accettato il nostro invito ad inaugurare insieme quest’opera”.

“L’arte non è mai casuale, nasce sempre dall’ispirazione e arriva a compiere il suo destino anche facendo giri molto lunghi: è emozionante vedere come l’ultimo disegno di Tinin Mantegazza raffiguri un arcobaleno, il simbolo che più rappresenta la serenità dopo una tempesta - afferma il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli - Tinin è stato un artista che ha dato tanto a Cesenatico, a partire dal Presepe Galleggiante del Museo della Marineria nato nel 1986 fino ad arrivare alla Vela di Luce, restaurata nel settembre del 2019 e inaugurata insieme a lui, proprio nel luogo in cui lo abbiamo salutato per l’ultima volta. Sono molto contento di essere qui oggi a celebrare quest’opera e ringrazio il Sindaco Medri e il Comune di Cervia per l’invito. L’arte di Tinin è e resterà per sempre con noi, proprio come lui”.

La moglie di Tinin, Velia ha affermato: “Sono felice che Tinin venga ricordato e amato da tanti e oggi è una testimonianza di quanto sia apprezzato il suo lavoro. Tinin era un uomo semplice e di grandi doti umane. Ringrazio i Sindaci di Cesenatico e di Cervia questa meravigliosa città immersa nei fiori e nel verde”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riccardo Pascucci della stamperia ha spiegato: “Un bambino che tiene in mano un arcobaleno. E’ l’immagine più adatta a ricordare un artista sempre bambino nel suo abbracciare la fantasia, colori della vita, le tracce invisibili dell’immaginazione. L’Antica Bottega Pascucci 1826 di Gambettola, tra artigianato e creatività, ha reso possibile la realizzazione di un altro sogno di Tinin”.
Riccardo Pascucci è l’erede della bottega storica Pascucci che dal 1826 adotta il procedimento suggestivo e unico della stampa xilografica con matrici in legno intagliate a mano, impregnate della pasta colorante che vanno a decorare i tessuti di lino, ispirate a disegni di illustri artisti fra cui anche Tonino Guerra. La famiglia Pascucci da sette generazioni si tramanda i segreti e i trucchi del mestiere. In questa occasione l’ispirazione è avvenuta sull’ultimo disegno di Tinin Mantegazza recentemente scomparso a Cesenatico sua città di adozione. Tinin è stato un artista versatile, scrittore, pittore, scenografo, che ha dedicato ai ragazzi molti suoi progetti per il teatro e la televisione. Creatore di Dodò, il pupazzo protagonista della storica trasmissione per bambini della Rai L’albero azzurro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento