menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Open day della scuola di disegno, arti e mestieri 'Tommaso Minardi'

Sabato 18 gennaio, alle 18, la Scuola di Disegno, Arti e Mestieri “Tommaso Minardi" di Faenza tornerà a presentarsi alla città con due novità

Sabato 18 gennaio, alle 18, la Scuola di Disegno, Arti e Mestieri “Tommaso Minardi" di Faenza tornerà a presentarsi alla città con due novità: l’offerta didattica 2020 e l’inaugurazione delle aule all’interno del complesso Faventia Sales complesso ex-Salesiani in via Mura Diamante Torelli 67.

Si tratta di nuovi spazi, che si aggiungono a quelli della sede storica di via Ughi 3, destinati sia alle attività rivolte a bambini e ragazzi che alla sperimentazione di formule didattiche multidisciplinari, da realizzarsi in collaborazione con la scuola di Musica “Giuseppe Sarti”, da poco trasferita all’interno dello stesso complesso ristrutturato dall’architetto Luigi Cicognani. Il valore aggiunto della giornata di sabato sarà rappresentato da incursioni musicali create da giovani musicisti della scuola Sarti che, grazie alla formazione dei docenti Domenico Banzola, Francesca Bassan, Martina Drudi, Barbara Mazzolani e Massimo Pauselli, suoneranno brani in una sorta di dialogo con i disegni, dipinti, sculture, installazioni presenti, realizzate dai ragazzi della scuola Minardi. Tale approccio diventerà nel tempo la caratteristica peculiare di una esperienza di didattica interdisciplinare e sperimentale condivisa dalle due scuole artistiche, entrambe gestite sul piano organizzativo dalla Scuola Angelo Pescarini Arti e Mestieri.

In linea con queste innovazioni, la scuola Minardi con il suo corpo insegnante - da Alberto Manservisi ad Enrico Versari; da Martino Neri a Giovanni Ruggiero; da Sergio Ferretti ad Elvira Keller, da Fosca Boggi ad Antonella Cimatti, da Innokentiy Fateev a Monika Grycko, da Elena Carolini a Fabio Liverani - offrirà al pubblico, nella giornata di sabato, alcuni saggi gratuiti dell’attività didattica 2020 che prenderanno il via in febbraio. Per i partecipanti sarà l’occasione per assistere alle lezioni aperte a cura, rispettivamente dei docenti Antonella Bassenghi e Mirco Denicolò; partecipare a un breve workshop di costruzione in legno col docente designer Giovanni Delvecchio, già fondatore del noto gruppo Resign; farsi coinvolgere dalla installazione a tema mitologico e neoclassico creata da Viola Emaldi, storica dell’arte e docente di rilievo internazionale, tanto per fare alcuni esempi. Le famiglie, in particolare, potranno acquisire informazioni sui corsi per bambini e ragazzi che avranno la possibilità di cimentarsi in laboratori allestiti per l’occasione, insieme ai docenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento