menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Sicurezza integrata zona Giardini Speyer”, incontri al Liceo classico e Itc Ginanni

Gli incontri, curati dalla Polizia municipale, si sono svolti giovedì e venerdì scorsi e hanno coinvolto una quarta del Liceo classico e cinque classi terze dell’Istituto Ginanni.

“Sicurezza integrata zona Giardini Speyer”, si chiama così il progetto che ha ottenuto il contributo della Regione Emilia-Romagna nell’ambito di un accordo di programma ed è finalizzato a promuovere un insieme di interventi di prevenzione nei Giardini Speyer e zone limitrofe. Oltre all’implementazione del locale sistema di videosorveglianza e al potenziamento del presidio territoriale, il progetto prevede anche incontri con gli studenti dei due istituti scolastici presenti nell’area interessata, il Liceo classico D. Alighieri e l’ITC G. Ginnani. È un’opportunità per confrontarsi sulla percezione della sicurezza nella zona che giornalmente frequentano e per promuovere la prevenzione di diverse forme di dipendenza, con particolare attenzione alle bevande alcoliche e al gioco d’azzardo patologico.

Gli incontri, curati dalla Polizia municipale, si sono svolti giovedì e venerdì scorsi e hanno coinvolto una quarta del Liceo classico e cinque classi terze dell’Istituto Ginanni.

In apertura ai ragazzi è stato chiesto come avvertono il quartiere nel quale è ubicata la propria scuola e successivamente sono stati presentati i dati di un’indagine, sullo stesso tema, svolta da CittAttiva un anno fa, per la quale sono stati intervistati studenti dei due istituti scolastici.  È emerso che i ragazzi percepiscono una maggior presenza delle forze di polizia e non segnalano più la presenza di clochard o di persone che bivaccano nei paraggi degli istituti. Sono poi intervenuti i medici del Sert che hanno proposto l’argomento delle dipendenze puntando molto sulla libera determinazione di ogni persona, nella comprensione delle conseguenze a cui si va incontro. Rappresentanti dell’Associazione nazionale carabinieri e di Mistral hanno, infine, illustrato il loro ruolo di cittadini che offrono il proprio tempo per svolgere servizi utili alla comunità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento