Lunedì, 14 Giugno 2021
Attualità

Un legame molto antico: Bertinoro e Ravenna insieme nel segno di Dante

Così dopo sette secoli, Bertinoro e Ravenna hanno deciso di proseguire nel nome del Sommo Poeta la loro relazione, proponendo un itinerario di visita e scoperta di questi luoghi ricchi di storia, tradizioni, arte e, ancora oggi, ospitalità

Il legame è molto antico: risale a quando i romani inviavano le anfore colme del buon vino prodotto su queste colline verso il porto di Classe (I secolo a.C.). E poi ancora ai tempi di Galla Placidia (siamo nel 424 d.C.), di cui Ravenna custodisce il sontuoso mausoleo e alla quale, secondo la leggenda, si fa risalire il nome di Bertinoro: "Tu sei degna di berti in oro" avrebbe detto infatti l'imperatrice, di passaggio su queste colline, assaggiando il vino Albana. Il legame è proseguito di secolo in secolo, passando per quel momento storico unico, quando i Da Polenta – famiglia originaria dell'omonima località bertinorese e allora signori di Ravenna e Cervia – accolsero Dante Alighieri.

Così dopo sette secoli, Bertinoro e Ravenna hanno deciso di proseguire nel nome del Sommo Poeta la loro relazione, proponendo un itinerario di visita e scoperta di questi luoghi ricchi di storia, tradizioni, arte e, ancora oggi, ospitalità. In occasione del 700° anniversario della morte del poeta, l’assessore al Turismo di Ravenna, Giacomo Costantini, e l’assessore al Turismo di Bertinoro Mirko Capuano hanno avviato una collaborazione (che coinvolge anche Ravenna Incoming) con l’intento, condiviso, di promuovere i due territori e costruire un’offerta turistica varia e diversificata. Il tutto si colloca all’interno del più ampio progetto “Le vie di Dante”, firmato Apt Emilia Romagna e Toscana Promozione Turistica, che disegna una serie di itinerari slow e sostenibili sulle orme del magnifico autore della Divina Commedia.

"Con “Le vie di Dante”, unica meta italiana segnalata da Lonely Planet nella classifica dei viaggi irrinunciabili nel 2021 – spiega l’assessore Costantini – abbiamo voluto sviluppare proposte che sapessero intercettare i diversi interessi dei viaggiatori, dunque cultura, storia, arte ma anche ambiente, sport, enogastronomia. I percorsi fra Ravenna e Bertinoro, già conosciuti e apprezzati dai turisti, rispondono perfettamente a questo obiettivo e rappresentano una proposta valida per il mercato internazionale. Del resto, sono convinto che rafforzare i collegamenti fra le località del nostro territorio sia il modo migliore per rafforzare l’identità turistica dell’intera Romagna".

Sulla stessa lunghezza d’onda l'Assessore Capuano che sottolinea: "Le nostre città hanno molte affinità, i territori hanno in comune storie, leggende e personaggi che nel corso della storia hanno condiviso le esperienze della Romagna più autentica, come fece il Carducci che ripiantò un cipresso nel luogo in cui la tradizione di Polenta voleva che Francesca si recasse a rimirare la “marina” e una quercia accanto alla tomba di Dante a Ravenna considerando la somiglianza fra questo albero e il carattere poderoso del Poeta della Divina Commedia. “Le vie di Dante” in particolare ci consentono di consolidare questo importante legame, valorizzando le nostre eccellenze, andando a costruire un'offerta turistica di grande interesse. Questo sodalizio permetterà di sviluppare insieme anche l'esperienza di educational e viaggi studio di operatori e giornalisti specializzati, come quello in corso in questi giorni, organizzato da Ravenna Incoming, alla scoperta degli itinerari danteschi in Romagna".

A Bertinoro i giornalisti avranno la possibilità di visitare i luoghi del territorio che sono storicamente legati alla memoria dell’autore della Divina Commedia, dalla Pieve di Polenta alla Rocca Vescovile, e avranno modo di verificare come l'ospitalità sia ancora un valore fondamentale per questo territorio, che continua a proporre vini eccellenti e ottima gastronomia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un legame molto antico: Bertinoro e Ravenna insieme nel segno di Dante

RavennaToday è in caricamento