Rifiuti, quali sono gli sconti sulla Tari nel Comune di Ravenna?

Non tutti lo sanno, ma esistono esenzioni e agevolazioni relativi alla tassa sui rifiuti. Ecco tutto quello che c'è da sapere

Fra le spese familiari da sostenere durante l'anno c’è la Tari, la tassa sui rifiuti che si basa su tariffe fisse e variabili fissati dai Comuni. Una spesa che per alcuni può anche diventare gravosa, ma è bene sapere che esistono delle esenzioni e degli sconti sulla Tari.

Come e quando pagare la Tari

Le esenzioni della tassa dei rifiuti

Come succede per ogni imposta, anche per la Tari sono previste delle esenzioni. In alcuni casi, infatti, questa tassa non è nemmeno dovuta. La tari non va pagata se i locali non possono essere utilizzati o sono impraticabili, perché non producono rifiuti. L’esenzione si ottiene solo se non si hanno allacci a luce e acqua oppure se il locale è inagibile o inabitabile.

Inoltre, sono sempre esclusi dal pagamento della Tari:

  • cantine, solai, androne;
  • aree scoperte accessorie a locali tassabili;
  • terrazze e balconi;
  • aree verdi;
  • immobili interessati da una ristrutturazione che duri almeno due mesi;
  • centrali termiche, cabine elettriche e locali caldaia, vani ascensore;
  • strutture sanitarie e mediche;
  • palestre e locali di impianti sportivi e scuole di ballo;
  • aree scoperte pertinenziali ad un locale soggetto a tributo eccetto le aree scoperte operative.

Gli sconti sulla Tari

In alcuni casi è possibile avere delle agevolazioni sull’imposta, come previsto dal regolamento comunale di Ravenna. Vediamo alcuni casi.

  • Riduzione per distanza dai contenitori stradali (Zona non servita): per le utenze che si trovano a una distanza dal cassonetto superiore a quella prevista da Regolamento sarà riconosciuto uno sconto del 60% sulla quota fissa e del 60% sulla quota variabile.
  • Immobili di non residenti a disposizione o ad uso stagionale: alle abitazioni non di residenza utilizzate in modo non continuativo (per un periodo non superiore a 183 giorni) sarà riconosciuto uno sconto del 50% sulla quota variabile.
  • Compostaggio: per le utenze che provvedono al compostaggio domestico è previsto uno sconto pari a 5 euro all'anno per ogni componente con compostiera fornita da Hera; 10 euro all'anno per ogni componente in assenza di compostiera fornita da Hera.

Altri sconti sono relativi alla raccolta differenziata. Uno sconto viene applicato sulla base del quantitativo raccolto tramite il servizio porta a porta, fino alla riduzione massima del 100% sulla quota variabile. Lo sconto è applicato alla raccolta individuale porta a porta di carta e cartone, plastica, vetro e lattine ed è pari a 0,08 euro al kg.

Uno sconto sulla Tari si può avere anche in caso di raccolta differenziata presso le Stazioni Ecologiche del territorio di Ravenna. Nelle schede delle stazioni ecologiche è possibile verificare quali materiali possono essere conferiti, i limiti di pezzi e gli sconti sulla tariffa disponibili. Nelle stazioni ecologiche del Comune di Ravenna su carta, plastica e vetro viene conferito uno sconto pari a 0,15 euro/kg.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riscaldamento domestico: pro e contro dei pannelli radianti

  • Inquinamento domestico: i consigli per creare un ambiente sano

  • Cucina con isola: qualche considerazione fra vantaggi e svantaggi

Torna su
RavennaToday è in caricamento