rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Cervia

45 eventi in sei giorni: numeri da record per l'edizione 2018 del Festival della Romagna

Un pubblico che ha coinvolto in tutto non meno di 9-10 mila visitatori, per oltre il settanta per cento rappresentati da turisti ospiti, fra i quali una quota importante di anziani ma anche di ragazzi e di bambini

Numeri di rilievo di un pubblico più partecipato delle altre edizioni per la conclusione della quinta edizione del Festival della Romagna. L'evento che si è svolto da martedì 19 a domenica 25 giugno ha visto coinvolti la maggior parte dei luoghi fra Cervia e Pinarella, ampliando la tradizionale offerta di incontri e di spettacoli avvenuta nelle scorse edizioni evidenziando luoghi come i Magazzini del Sale, lo spazio sotto la Torre San Michele, lo splendido contesto del palco in piazza Garibaldi, il piazzale dei Salinari, piazzale Ascione, lungomare Grazia Deledda, Pinarella centro commerciale e Villa Inferno.

Nella giornata di domenica, nell'anteprima con aperifestival al Club Fantini si sono presentati in anteprima gli eventi serali nei quali il tenore Maurizio Tassani, con spontaneità ed empatia, ha descritto gli ultimi successi dei suoi tour canori dalla Cina a Montecarlo seguendo il filone della rivitalizzazione del grande repertorio italiano e internazionale della canzone di successo. A sua volta l'attore e scrittore Roberto Mercadini ha presentato "Storia perfetta dell'errore", la sua ultima fatica letteraria per Rizzoli Editore che riprende alcuni dei temi all'autore romagnolo capace di mescolare e innovare linguaggi letterari, scientifici con intelligenza e umorismo.

Il festival della Romagna quest'anno ha toccato numeri mai raggiunti. Quarantacinque eventi in sei giorni, otto diversi luoghi nei quali si sono svolti gli eventi stessi. Un pubblico che ha coinvolto in tutto non meno di 9-10 mila visitatori, per oltre il settanta per cento rappresentati da turisti ospiti, fra i quali una quota importante di anziani ma anche di ragazzi e di bambini. Il premio Romagna nelle diverse sezioni in questa edizione ha premiato Camilla Annoni, nipote di Giovannino Guareschi, a cui è stato dedicato con un convegno il primo evento di questa edizione del Festiva; Marco Benati, presidente di Start Romagna; Cristina Bacchi, stilista e imprenditrice, Alfonso Zaccaria, presidente del Comitato provinciale Ail di Ravenna, Stefano Nanni, musicista e compositore; Roberto Mercadini, attore e scrittore; Tonino Bernabè, presidente di Romagna Acque-Società delle Fonti.

"L'obiettivo di offrire un'immagine della Romagna fedele ai valori del suo territorio, ma anche tesa a rafforzarne l'immagine sotto le diverse dimensioni economiche, sociali, culturali e turistiche in questa edizione ha individuato in partner di rango istituzionale come Romagna Acque e Start Romagna un primo gruppo di enti con i quali sviluppare azioni specifiche capaci di promuovere un'educazione all'ambiente e alla mobilità sostenibile di sicuro interesse per tutta la comunità dei romagnoli - commenta il coordinatore generale del Festival Daniele Baronio - Ancora una volta il mix fra musica, spettacoli ma anche incontri, rievocazioni storiche, cultura si sono dimostrati un modo vincente di offrire la visione di una Romagna con salde radici nel suo passato ma anche la forza di accettare tutte le sfide del futuro. La Romagna non è un "brand" qualsiasi ma uno straordinario esempio di coerenza e tenacia di una popolazione sensibile, accogliente, dinamica. Sono queste le premesse ideali per costruire una sesta edizione ancora più ampia e partecipata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

45 eventi in sei giorni: numeri da record per l'edizione 2018 del Festival della Romagna

RavennaToday è in caricamento