rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca Faenza

Dal 1957 dà il pane ai faentini: il panificio diventa 'Bottega Storica'

La consegna della targa alla signora Patrizia, erede della tradizione di famiglia, dalle mani del sindaco Isola e dei vertici di Ascom Faenza

Sempre in via Dal Pozzo, prima al servizio dei cittadini del quartiere e poi anche come fornitore di rivendite e ristoranti del territorio faentino. E ora, a sessantasei anni dalla sua apertura, al panificio pasticceria Sangiorgi viene consegnata la targa di "Bottega Storica dell'Emilia Romagna", direttamente nelle mani di Patrizia Sangiorgi, erede della tradizione di famiglia avviata nel 1957. La cerimonia si è svolta nella mattinata di mercoledì 12 aprile, dopo l'iscrizione dell'attività all'albo comunale delle Botteghe e dei Mercati storici del Comune di Faenza. La consegna della targa è stata effettuata dal sindaco di Faenza, Massimo Isola e da Paolo Caroli e Francesco Carugati, rispettivamente presidente e direttore di Confcommercio Ascom Faenza.

L'attività del panificio Sangiorgi prende il via grazie all'operosità di Ersilia Pelliconi, classe 1909, che apre la bottega in locali di proprietà con licenza n.1796 del 28/8/57. Lei si occupa della vendita al pubblico mentre la produzione è a carico del marito Sante Sangiorgi, nato nel 1901, insieme ai figli Gianfredo (classe 1933) e Sergio (classe 1935). Nel 1974 viene costituita una società tra la signora Pelliconi e i figli e ancora più avanti, nel 1997, arriva la trasformazione in società Panificio Sangiorgi di Sangiorgi Sergio e Gianfredo. Nella bottega entra anche la moglie di Gianfredo, la signora Maria Angela Manucci, che alla vendita al pubblico affianca la produzione della sua specialità, i "zucaren", biscotti tanto semplici quanto golosi. Gianfredo, inoltre, inizia ad effettuare consegne a domicilio girando in bicicletta dal centro fino alle prime campagne del faentino.

La tradizione prosegue con l'arrivo nel panificio di Patrizia Sangiorgi, figlia di Gianfredo e Maria Angela, che dal 2014 rimane socia unica dell'attività, affiancata anche dai figli Giada e Marco. Con il suo ingresso, alle tipicità tradizionali della panificazione si affiancano tanti nuovi prodotti, sia dolci che salati, realizzati con farine ed ingredienti provenienti da produttori locali o da produzioni di nicchia.

Molto sensibile alle regole di una corretta e sana alimentazione, il Panificio Sangiorgi aderisce da diversi anni alla campagna regionale “Pane meno sale. Più salute con meno sale” che prevede il rispetto di un preciso protocollo per la produzione di pane a basso contenuto di sale, utilizzo di farine regionali poco raffinate, olio extravergine d'oliva, senza agenti chimici e additivi per la lievitazione. Attenzione allo sviluppo sostenibile, nel solco della tradizione per un'attività che ha saputo mantenere le sue caratteristiche originarie, anche nella gestione prettamente familiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 1957 dà il pane ai faentini: il panificio diventa 'Bottega Storica'

RavennaToday è in caricamento