menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Mezzano intitolata una via a Don Elvezio Tanasini

Il Dirigente scolastico Giancarlo Frassineti ha ricordato l’attività educativa operata dal sacerdote negli anni Quaranta e Cinquanta a favore della comunità di Mezzano e la sua esemplarità per le nuove generazioni

Sabato 12 gennaio a Mezzano ha avuto luogo la Cerimonia di intitolazione di una via a Don Elvezio Tanasini, strada che da via Reale giunge sino alla sede della Polisportiva di Mezzano, transitando davanti all’ingresso della scuola media “Valgimigli”, sede di tutto l’Istituto comprensivo scolastico “Valgimigli”, comprendente tutte le scuole statali ubicate nella parte nord del comune di Ravenna.

Accolti all’interno del cortile della scuola dal Dirigente scolastico Giancarlo Frassineti, che ha ricordato l’attività educativa operata dal sacerdote negli anni Quaranta e Cinquanta a favore della comunità di Mezzano e la sua esemplarità per le nuove generazioni, Monsignor Lorenzo Ghizzoni, Arcivescovo Metropolita dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia, e Gianandrea Baroncini, Assessore al Decentramento del Comune di Ravenna, hanno rispettivamente impartito una benedizione per tutti i fruitori della via e ricordato la determinante azione positiva a favore della comunità mezzanese svolta dal sacerdote durante gli anni drammatici delle fine del secondo conflitto mondiale e delle prime settimane dopo la sua conclusione ai rappresentanti della Comunità di Mezzano e agli alunni frequentanti la scuola media presenti alla cerimonia.

Infine Don Franco Musa, parroco della parrocchia di San Cristoforo di Mezzano, ha sinteticamente delineato la figura di Don Elvezio Tanasini: nato nel 1918 a Roncalceci e scomparso nel 2004 a Ravenna, Don Elvezio Tanasini fu cappellano di Mezzano negli anni 1943-1945, distinguendosi per la sua attività nel Comitato locale di Liberazione. Per questo fu insignito con un attestato ufficiale con Croce per meriti partigiani, scongiurando, tra l’altro, una spirale violenta dopo l’avvenuta liberazione nel 25 aprile 1945. Dopo essere diventato parroco di Mezzano, proseguì la propria missione sacerdotale a Portomaggiore e a Cervia. La cerimonia si é completata con il raggiungimento da parte di tutti i presenti del luogo di posizionamento della targa indicante il nome della via, con l’avvio ufficiale della nuova indicazione toponomastica, in esecuzione della determinazione assunta dalla Commissione toponomastica del Comune di Ravenna nella seduta del 25 ottobre 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento