rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca

Abbattimento dei daini, l'Udc: "Clamoroso dietrofront della Provincia"

Sui banchi dell'opposizione è critico Gianfranco Spadoni, consigliere provinciale Udc: "Clamoroso dietrofront della Provincia circa l’abbattimento dei daini"

Dopo la decisione della Provincia di voler valutare strade alternative agli abbattimenti di daini nella zona di Classe, annunciata alcuni giorni fa, con relativa esplosione della protesta degli animalisti, sui banchi dell'opposizione è critico Gianfranco Spadoni, consigliere provinciale Udc: "Clamoroso dietrofront della Provincia circa l’abbattimento dei daini. Decisione già approvata dagli uffici competenti e deliberata dalla Giunta dell’ente oggi disponibile a individuare proposte alternative alla soppressione dei mammiferi della famiglia dei Cervidi".

Sempre Spadoni: "Come si ricorderà il dirigente del servizio provinciale, aveva formulato la propria relazione tecnica evidenziando interruzioni alla viabilità ferroviaria e incidenti stradali provocati da questi animali in fase di attraversamento della statale Adriatica e di via dei Lombardi, fatti in seguito smentiti sia dal Polfer sia dagli operatori del 118. Di qui la decisione di procedere con la massima urgenza anche alla luce della segnalazione pervenuta dal mondo agricolo, e nella fattispecie unicamente da parte della Legacoop direttamente interessata a uno dei poderi situati in una traversa della citata via del Lombardi. L’ipotesi di abbattimento, quindi, pare del tutto abbandonata e si sta invece ricercando un’intesa alternativa per evitare l’uccisione di questi animali. Tra l’altro, tale situazione gestita con carattere d’urgenza dall’ente di piazza Caduti, fa emergere la necessità di realizzare attività preventive tese a tenere continuamente sotto controllo la situazione attraverso monitoraggi e censimenti, per evitare scelte dettate dall’emergenza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbattimento dei daini, l'Udc: "Clamoroso dietrofront della Provincia"

RavennaToday è in caricamento