Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Acmar, dipendenti a rischio licenziamento in piazza: "Vogliamo la cassa straordinaria"

Una parte dei 104 dipendenti a rischio licenziamento ha scioperato nella manifestazione organizzata dalle associazioni di lavoratori

Lo avevano annunciato giovedì e così è stato: nella mattinata di mercoledì, in piazza del Popolo, una quindicina dei 104 dipendenti Acmar che rischiano il licenziamento hanno manifestato di fronte al palazzo della Prefettura. Il presidio è stato organizzato dalle associazioni di lavoratori Fillea, Filca e Feneal dopo la decisione della cooperativa Acmar, che ha inviato ai primi di marzo alle organizzazioni sindacali e alle Rsu la comunicazione formale di apertura della procedura di mobilità con l'intenzione di licenziare 104 persone. "La partecipazione dei lavoratori è segno della volontà di non voler arrendersi a una fine per molti inevitabile, nonostante le forti pressioni interne che negli ultimi giorni hanno creato un clima inquisitorio nei confronti di chi sosteneva la lotta", commentano le organizzazioni sindacali.

I manifestanti, che insieme alla rappresentanza sindacale unilaterale e ai funzionari delle organizzazioni sindacali hanno incontrato l'assessore con delega all'industria Massimo Cameliani, il vicesindaco Eugenio Fusignani e il viceprefetto Francesca Montesi, chiedono che venga utilizzata la cassa straordinaria per crisi con un percorso di mobilità volontaria. Le istituzioni si sono dimostrate attente e partecipi alle istanze presentate impegnandosi su due fronti: riportarle agli organi di Governo centrale, in particolare al Ministero del Lavoro, e aprire anche da parte loro un confronto con la dirigenza della cooperativa.

“Abbiamo colto positivamente l'impegno delle istituzioni  – dichiarano i rappresentanti delle categorie edili di CGIL, CISL e UIL – ora attendiamo gli sviluppi della vertenza continuando nel rimarcare la nostra posizione di richiesta di cassa integrazione e ritiro dei licenziamenti".

Dal canto suo Acmar nei giorni scorsi ha risposto che, dopo aver svolto oltre 30 mesi di cassa integrazione, continuare a insistere su un percorso di ammortizzatori sociali significherebbe mettere a rischio la continuità aziendale. "Allo sciopero odierno ha partecipato meno dell'8% del personale di Acmar: riteniamo che questo risultato sia un chiaro segnale su quale sia  la volontà dei lavoratori - commenta l'azienda - A questo punto auspichiamo un incontro al fine di giungere ad un’intesa nel più breve tempo possibile".

Acmar, il presidio dei lavoratori davanti la Prefettura (foto Argnani)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acmar, dipendenti a rischio licenziamento in piazza: "Vogliamo la cassa straordinaria"

RavennaToday è in caricamento