Cronaca

Impossibile trovare un affitto a Ravenna: "Richieste triplicate, e c'è chi preferisce tenere le case sfitte"

Negli ultimi mesi la ricerca di una casa in affitto si è trasformata in un incubo per lavoratori, studenti, coppie giovani e famiglie interessate ad abitare nel ravennate. Non solo a Ravenna città o in centro storico, ma in tutto il Comune è diventato quasi impossibile trovare un appartamento - o anche un semplice posto letto - in affitto

Emergenza affitti. Negli ultimi mesi la ricerca di una casa in affitto si è trasformata in un incubo per lavoratori, studenti, coppie giovani e famiglie interessate ad abitare nel ravennate. Non solo a Ravenna città o in centro storico, sia chiaro, ma in tutto il Comune è diventato quasi impossibile trovare un appartamento - o anche un semplice posto letto - in affitto. Le agenzie immobiliari hanno pochissime offerte e anche nei vari gruppi su internet si susseguono disperate richieste di ricerca affitto, ma quasi mai offerte di appartamenti da affittare.

"Costretta a rinunciare a un lavoro perchè non trovo una casa in affitto": la disperata ricerca di una famiglia

I fattori che hanno portato a questa 'paralisi' sono diversi come spiega Ivano Venturini, presidente regionale e consigliere nazionale di Fimaa Emilia-Romagna - la Federazione che raggruppa i mediatori agenti d’affari aderente a Confcommercio - e agente immobiliare da quasi 30 anni, titolare dell'agenzia Siva di piazza Kennedy. "La richiesta nell'ultimo periodo è triplicata. Il problema è reale - spiega Venturini - e dovuto a un'insieme di cose. Innanzitutto con la nascita del corso di laurea in Medicina e Chirurgia all'Università di Ravenna c'è stata un'esplosione di richiesta di posti letto per studenti, posti che effettivamente non ci sono. Poi l'arrivo di medici, infermieri e oss per l'emergenza Covid, ma anche l'arrivo di tanti insegnanti che hanno trovato lavoro a Ravenna, o di lavoratori del porto e dell'industria, quindi spesso disponibili a pagare affitti anche importanti. Se avessimo a disposizione 200 posti letto, li affitteremmo domani!".

Oltre a questo c'è anche una buona fetta di potenziali locatori che preferiscono tenere i loro appartamenti sfitti: "Purtroppo l'ordinamento italiano, anche giustamente, tutela il più debole, e quindi gli inquilini, ma non tiene conto degli "approfittatori" - spiega l'agente immobiliare - A volte per riuscire a tornare in possesso del proprio immobile ci vogliono anni, soldi per le spese legali, processi etc. In più nel periodo Covid c'è stato il blocco degli sfratti, e c'è anche il fatto che a volte i proprietari si ritrovano gli appartamenti distrutti dagli inquilini. Per cui alcuni preferiscono tenere le loro case vuote pur di non rischiare".

Ivano Venturini
ivano-venturini-3

Poca offerta e molta domanda, inoltre, comporta inevitabilmente l'alzarsi dei prezzi: "Per un bilocale sotto ai 550 euro non si trova nulla, abbiamo affitti da 1500 euro al mese. A differenza di una volta, quando nel contrattare si giocava al ribasso, ora si gioca al rialzo: se hai un appartamento e lo metti in affitto a 800 euro, ad esempio, te ne offrono 900 per riuscire ad aggiudicarselo, mentre una volta i potenziali inquilini avrebbero provato a scendere a 700".

Per quanto riguarda le zone, le più richieste restano sempre il centro storico, Borgo San Biagio e Borgo San Rocco. "Ma ora ci si accontenta molto - continua Venturini - Anche nelle zone meno richieste, come zona Gulli o la Darsena, ora non si trova più casa, e anche al mare è già tutto affittato anche per gli affitti stagionali del 2023". C'è poi da dire che il Covid ha inciso sulla tipologia di case ricercate: "Si cercano case più grandi, con il terrazzo o il giardino. E c'è molta richiesta anche nella vendita, non abbiamo tante case in vendita vuote. Addirittura ora chi vuole fare un investimento non compra più un locale o un negozio da affittare, ma una casa, perchè è molto più facile dare in affitto una casa che un negozio in questo momento".

Quale soluzione dunque? "Costruire ancora o rigenerare - dice Venturini - ma ora si parla di consumo di territorio zero e a settembre scatta il nuovo Pug, che mi sembra quasi più incasinato di quello vecchio, e si bloccherà di nuovo tutto. In centro ci sono molti palazzi da sistemare, ma per rigenerare bisogna avere i soldi, e comprare a basso prezzo non è facile".

Affitti estivi 'sold out' nei lidi ravennati: "A febbraio era già quasi tutto esaurito, e c'è chi ha già prenotato per il 2023"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impossibile trovare un affitto a Ravenna: "Richieste triplicate, e c'è chi preferisce tenere le case sfitte"
RavennaToday è in caricamento