Aggredisce i Carabinieri mentre arrestano il suo amico: donna in manette

Durante le fasi dell’arresto gli stessi Carabinieri sono stati avvicinati, aggrediti fisicamente e insultati pesantemente dalla donna

Nella notte tra martedì e mercoledì i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cervia-Milano Marittima, durante un controllo in prossimità di un bar di via Tritone di Pinarella, hanno individuato e arrestato un pregiudicato 49enne marocchino, senza fissa dimora, colpito da ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano - Ufficio Esecuzioni Penali. L'uomo doveva scontare una pena residua di 8 mesi di reclusione per un furto che aveva commesso sei anni fa nel capoluogo lombardo.

Durante le fasi dell’arresto gli stessi Carabinieri sono stati avvicinati, aggrediti fisicamente e insultati pesantemente da una donna censurata, una 41enne originaria di Torre Annunziata, che con il suo comportamento aggressivo ha tentato invano di far rilasciare il suo amico. Per l’aggressione, con l’ausilio di altri colleghi chiamati di rinforzo, gli stessi militari hanno deciso di arrestare la donna per resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale. Mercoledì mattina la donne è stata processata e giudicata con il rito direttissimo dal Tribunale monocratico di Ravenna (giudice Cristiano Coiro) e, su richiesta del Pm Antonio Vincenzo Bartolozzi, è stata condannata a 4 mesi di reclusione (pena sospesa).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento