menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dall'agricoltura condivisa arrivano le fragole solidali a domicilio

L’obiettivo del progetto “Terra Condivisa” è fornire le competenze necessarie alle persone in difficoltà. I consumatori possono controllare settimanalmente i prodotti disponibili

Da metà aprile 2020 sono in vendita delle fragole solidali e prodotte a chilometro 0 da “Terra Condivisa”, un progetto di agricoltura sociale di Farsi Prossimo Odv e Caritas diocesana di Faenza-Modigliana. Un progetto destinato a persone in situazione di svantaggio che persegue l’obiettivo di fornire loro le competenze necessarie per approcciare il lavoro nel mondo agricolo.

Gli organizzatori del progetto comunicano che finora "hanno partecipato sei richiedenti asilo, inizialmente accolti nei C.A.S. gestiti dall’Associazione e che, una volta usciti dall’accoglienza, hanno scelto di proseguire nel percorso formativo. Altri destinatari sono le persone inoccupate che si rivolgono al Centro di Ascolto diocesano oppure ai Servizi alla Comunità del territorio. Tramite una formazione retribuita si intende accompagnare queste persone in un percorso volto alla loro autonomia, così che, una volta acquisite alcune competenze spendibili nel mercato del lavoro, sia facilitato il loro inserimento nel tessuto produttivo locale".

Oltre ad avere un impatto sociale individuale e collettivo, questo progetto ha un risultato secondario e gustoso. Il podere che sorge in zona Castel Raniero produce, infatti, frutta e verdura che i consumatori possono acquistare grazie sia alle iniziative di distribuzione sia a un servizio capillare di distribuzione. È possibile iscriversi alla newsletter online sul sito terracondivisa.farsiprossimofaenza.org o alla lista broadcast di WhatsApp del numero 3713572099. Le persone interessate riceveranno settimanalmente, via e-mail o messaggio, informazioni sui prodotti agricoli disponibili, che potranno così ordinare tramite le medesime modalità. Sarà poi possibile ritirare il proprio acquisto presso la sede della Farsi Prossimo ODV oppure riceverlo direttamente al proprio indirizzo, scegliendo uno dei due giorni settimanali di consegna a domicilio. La distribuzione a domicilio continuerà anche una volta terminata l’attuale emergenza sanitaria.

"Il progetto “Terra Condivisa”, inizialmente sostenuto dalla Cei tramite i fondi 8x1000 destinati alla Caritas, è all’inizio del proprio cammino; - spiegano gli organizzatori - fondamentali sono la promozione e la creazione di una rete nel territorio finalizzata al suo supporto, così come lo sviluppo del ruolo del volontariato in un’ottica di protagonismo. Chi volesse diventare sostenitore di questa realtà può scrivere a: terracondivisa@farsiprossimofaenza.org per ricevere maggiori informazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento